Vaccino, Ancodis “I docenti hanno fatto la loro parte”

VACCINO ANTINFLUENZALE VACCINI ANTINFLUENZALI CONTRO L'INFLUENZA VACCINAZIONE VACCINAZIONI SOMINISTRAZIONE INIEZIONE SIRINGA PERSONALE MEDICO SANITARIO OPERATORE DOTTORE

ROMA (ITALPRESS) – “Nel corso della campagna di vaccinazione del personale scolastico con il vaccino AstraZeneca abbiamo letto e ascoltato osservazioni, commenti e critiche che hanno cercato di fare apparire il mondo della scuola poco sensibile al tema se non addirittura oppositivo all’opportunità della tutela della salute attraverso la vaccinazione. Addirittura abbiamo letto autorevoli tweet e opinioni che hanno insinuato il sospetto sulla circostanza secondo la quale molti docenti abbiano preso a pretesto la vaccinazione per un’assenza di massa nei giorni successivi al vaccino. Ebbene, con un sondaggio lanciato sui social è stato chiesto di rispondere e provare a fare un quadro della situazione fondato su dati corrispondenti all’esperienza di ciascun peratore scolastico”. Così in una nota l’Associazione nazionale collaboratori dirigenti scolastici (Ancodis). “Con il sondaggio – al quale hanno risposto 1.616 persone e che ovviamente non ha alcuna pretesa scientifica – si è cercato di rappresentare l’esperienza vaccinale di ciascuno di noi. Dal report realizzato nel periodo compreso tra l’8 e il 31 marzo – sottolinea l’Ancodis – emergono dati lusinghieri e onorevoli per il sistema paese, per chi si è fatto carico di organizzare la campagna a livello regionale e provinciale e per gli stessi cittadini che hanno accolto la proposta della vaccinazione nonostante le iniziali criticità e le incertezze soprattutto connesse ai tempi della permanenza dell’immunizzazione individuale. In particolare, alla domanda ‘Rifaresti la scelta di sottoporti al vaccino?’, l’86% del campione ha risposto sì. Nonostante tutto e tutti, i docenti hanno fatto la loro encomiabile parte”, conclude l’Associazione.
(ITALPRESS).