UN PIANO PER RIPULIRE ROMA DAI RIFIUTI

Un vertice sulla gesione dei rifiuti. Un incontro con Ama e sindacati con l’obiettivo – a dirla con Virginia Raggi – di proseguire nel risanamento dell’azienda ma al contempo ripulire la capitale dai rifiuti.

Questa mattina la sindaca di Roma ha incontrato in Campidoglio, insieme al presidente di Ama
Luisa Melara, tutti i rappresentanti sindacali dei lavoratori dell’azienda municipalizzata per mettere a punto un programma sinergico di intervento, un piano d’azione che funzioni nel breve
e nel lungo periodo. Dopo gli attacchi incendiari alle strutture pubbliche di trattamento dei rifiuti, dopo i danni ai mezzi, alle strutture e ai cassonetti di Ama e, soprattutto, dopo i rallentamenti che hanno colpito il servizio di raccolta in questi giorni, l’amministrazione di Roma Capitale è voluta correre ai ripari fornendo delle prime risposte.

La stessa prima cittadina, attraverso un lungo post ha voluto rendere noti i dettagli del vertice:

“Oggi -ha scritto – ho incontrato in Campidoglio il nuovo presidente dell’azienda per
l’ambiente di Roma, Luisa Melara, e tutti i rappresentanti sindacali dei lavoratori. Dopo gli attacchi incendiari agli impianti di trattamento dei rifiuti, i danni a mezzi strutture di Ama, i 700 cassonetti dati alle fiamme in poco meno di un anno e gli altri vari sabotaggi che hanno colpito il servizio di
raccolta, già penalizzato dalla carenza di impianti regionali, diamo una risposta concreta: avviamo un confronto permanente con chi ogni giorno lavora in strada e puo’ dare un contributo
determinante in termini di pulizia e rispetto della legalita’”.

“Abbiamo chiesto ai sindacati – spiega ancora la Raggi – di indicare i problemi da loro rilevati e di proporre soluzioni operative, che il Consiglio di amministrazione di Ama confronterà con il piano di intervento predisposto dall’azienda. A chi prova a mettersi di traverso, a chi agisce nell’ombra con metodi criminali, anche oggi replichiamo senza paura, mettendo insieme chi vuole lavorare nell’interesse della citta’ e dei cittadini”..