NAPOLI +2 SUL MILAN E +4 SULL’INTER, DERBY ALLA LAZIO

Il Napoli (sesta vittoria) non è esattamente in fuga, ma due punti sul Milan e quattro sull’Inter sono già un buon vantaggio. La squadra di Spalletti non ha giocato la miglior partita, ma ha messo sotto anche il Cagliari di Mazzarri. Dopo dieci minuti Osimhen aveva già segnato, poi ha raddoppiato Insigne su rigore. I sardi non ce l’hanno fatta a passare contro la difesa più forte del campionato (due gol subiti) e sono rimasti al penultimo posto. Il Milan ha vinto a La Spezia, dove l’anno scorso aveva perso. Ma tutti ci siamo soffermati sulla terza generazione dei Maldini: dopo nonno Cesare e papà Paolo ecco il nipotino Daniel. Il Milan, nonostante gli acciacchi e le assenze, sta continuando a tener testa quasi a tutti. Ha due punti più dell’Inter campione. La difesa rossonera (3 gol subiti) resta fra le meno battute. Inter-Atalanta avrebbe potuto finire 3-2 o 2-3, visti il rigore sbagliato da Dimarco e il gol annullato a Piccoli negli ultimissimi minuti. Nella squadra di Gasperini l’indiavolato Malinovskyi ha dominato la scena (un gol, un palo, lo zampino sulla rete di Toloi), ma l’Inter ha avuto la forza di pareggiare con Dzeko una partita in cui – come a Genova e a Firenze- ha regalato un tempo all’avversario, il primo. Se l’attacco di Inzaghi segna molto, 20 gol in cinque partite (più di tre a gara), la fase difensiva non è perfetta: sette gol subiti, più di uno a partita. L’Atalanta sta progredendo e fra poco Gasp potrà pensare all’altissima classifica. Per ora, occhio alla Champions. La Lazio ha vinto il derby capitolino molto combattuto e ricco di episodi anche polemici. Sarri ha mandato in visibilio i propri tifosi, Mourinho ha capito quant’è amaro il pane italiano. E’ a 6 punti dalla vetta, troppi errori difensivi, seconda sconfitta. Per la Lazio un passo avanti in classifica, ma le prime sono lontane. L’attacco va bene (15 gol), Immobile non ha segnato, ma ha fatto una grande partita. Con la vittoria di Udine, la Fiorentina si è installata nel salotto buono del campionato, in zona Champions. Il quarto gol di Vlahovic, su un discusso rigore, ha deciso la partita, ben giocata dai friulani, che però hanno perso la terza di fila e sono rimasti all’asciutto in attacco anche stavolta. Nelle zone medio alte della classifica troviamo l’Empoli che non aveva mai vinto in casa e lo ha fatto contro un Bologna che ha una delle peggiori difese del campionato. Arnautovic ha segnato, ma ha anche sbagliato un rigore (palo). E’ stata una partita molto movimentata con alcuni episodi che hanno provocato polemiche. La prima vittoria casalinga della Juve (secondo 3-2 di fila) ha riportato i bianconeri nella parte sinistra della classifica, ma non ha soddisfatto completamente Allegri, sia perchè ancora ha visto molti errori dei suoi, perchè la difesa ha beccato ancora due gol (10 totali), per il calo registrato nella ripresa, ma soprattutto per l’infortunio a Dybala, che aveva sbloccato la partita. Certo, perdere in poco tempo goleador come Ronaldo e Dybala non è cosa facile da digerire. E ora ci sarà da affrontare il Chelsea…La Samp ha perso ancora e la sua difesa non è apparsa insuperabile. Il Sassuolo è tornato a vincere, dopo lunga astinenza, grazie a un gol di Berardi. Ha perso ancora la Salernitana pur giocando una buona partita. La squadra di Castori segna poco (4 gol) e ha problemi in difesa come lo Spezia, il Genoa e il Cagliari: 15 reti subite. Il Verona, con Tudor al timone, ha cominciato a correre e segnare. Nelle ultime tre partite ha fatto otto gol (tre Kalinic) e ha progredito la classifica. Il pari di Genova contro un avversario euforico per il passaggio agli americani. Destro ha segnato due gol (quattro in tutto), ma la difesa di Ballardini non si è dimostrata imbattibile. Un “giovane” Torino giocherà nel Monday Night a Venezia. I lagunari segnano col contagocce: tre reti. Non ci sarà Pjaca, per un guaio al polpaccio: si preparerà per il derby. Belotti e Zaza sono da tempo fuori. Zanetti con Henry dall’inizio. Incombono intanto le Coppe: altra fatica, altro stress. Speriamo almeno con buoni risultati.