OROSCOPO
lunedì 25 marzo 2019

TURCHIA, EXPORT RECORD DI FRUTTA NEL 2018

dieta della frutta

16 febbraio 2019

Nel 2018 la Turchia ha esportato un volume record di pere e mele cotogne. Secondo i dati forniti dall'associazione degli esportatori di Uludag, le pere, coltivate principalmente a Bursa, sono state esportate in 53 paesi.

Le esportazioni di pere sono aumentate del 33,7%, nel 2018, rispetto al 2017 e il volume è aumentato da 36,2 a 48,5 mila tonnellate. I ricavi generati dalle esportazioni di pere sono aumentati del 10% nel 2018, raggiungendo quota 22 mln dollari (19,3 milioni euro).

L'Iraq è il principale importatore di pere turche. L'esportazione in Iraq è aumentata del 40% ed è passata da 11.700 a 16.500 tonnellate. L'anno scorso sono stati esportati in Iraq beni per un valore totale di 2,3 mln di dollari (2 milioni).

La Russia ha importato 12.229 tonnellate di pere ed è arrivata seconda dopo l'Iraq in termini di volume. La Russia ha sborsato agli esportatori turchi un totale di 6,3 milioni.

Le esportazioni turche verso questi due paesi hanno costituito il 60% delle esportazioni totali di pere.

Anche le esportazioni di pere in Romania e in Germania hanno visto un importante incremento.

Lo scorso anno, l'export di pere in Romania è aumentato del 138% in termini di volume e ha raggiunto le 2.800 tonnellate. Gli introiti generati dall'esportazione in Romania sono raddoppiati e hanno raggiunto 1,7 milioni.

Anche la Germania ha aumentato le importazioni di pere turche del 79% e il volume delle pere è passato da 527 a 943 tonnellate. I ricavi sono passati da €518.000 a €1,76 milioni.

Le esportazioni di mele cotogne sono aumentate del 5% nel 2018 e hanno raggiunto le 19.900 tonnellate. Le entrate generate da questo aumento dell'8% hanno raggiunto un record di €11,8 milioni.

L'anno scorso, i primi 5 importatori di mele cotogne turche sono stati Russia, Germania, Romania, Paesi Bassi e Francia. L'esportazione di mele cotogne in Russia è aumentata dell'8% e ha raggiunto 5.900 tonnellate. I ricavi generati da questo ammontano a €3,37 milioni.

L'anno scorso la Germania è stata il secondo maggior importatore di cotogne turche. Con un aumento del 22%, la Germania ha importato 2.783 tonnellate di mele cotogne. La Turchia ha ricevuto in cambio 2,47 milioni.

Il volume delle esportazioni di arance della Turchia, riferisce sempre l'analisi  di Fresh Plaza , è aumentato del 21,5% nel 2018, rispetto all'anno precedente, raggiungendo un volume di 448.149 ton, mentre l'export di mele è aumentato del 35% lo scorso anno, con un record di 245.535 ton. Ciò è dovuto soprattutto al fatto che le esportazioni di arance destinate all'Iraq, sono aumentate del 44% e le esportazioni di mele, destinate alla Russia, sono aumentate di ben il 349%.

Secondo l'associazione degli esportatori di Uludag, lo scorso anno le arance e le mele turche sono state esportate in 69 Paesi.

I ricavi generati dall'esportazione di arance sono aumentati del 6,3% e ammontano a 160,6 milioni di dollari (140 milioni di euro). I principali importatori di arance turche sono stati Iraq (+44%, con un fatturato di 46,5 mln di euro), Russia (per un valore di 40,5 mln euro), Ucraina, Romania e Azerbaigian.

L'esportazione di mele è aumentata del 35% nel 2018, per complessive 245.535 ton. La mela è un prodotto coltivato quasi ovunque, in Turchia, e le entrate generate dall'export di mele sono aumentate dell'80%, arrivando a 95,5 milioni di dollari (83,2 milioni di euro).

Russia, Iraq, Siria, India e Arabia Saudita sono tra i principali importatori di mele turche. La Russia ha pagato 32,3 milioni di dollari (28,1 milioni di euro) per 41.468 ton di mele.

L'esportazione di mele verso la Siria è aumentata del 136% e ha raggiunto quota 39.940 ton.

L'Iraq è un altro importante mercato per le mele turche. Il Paese ne ha importato 98.927 ton, per un ammontare di 17,7 milioni di dollari (15,4 milioni di euro).

(ITALPRESS/MNA)

 


Share |