Malta continua ad allentare le restrizioni anti Covid-19

LA VALLETTA (MALTA) (ITALPRESS/MNA) – Il governo maltese ha confermato che i ristoranti e snack bar riapriranno parzialmente il 10 maggio. Però potranno riaprire solo a pranzo fino alle 17 e sarà consentito un massimo di quattro persone per tavolo.
Lo ha detto il primo ministro maltese Robert Abela che ha annunciato l’allentamento di ulteriori misure restrittive diretti a limitare la trasmissione del coronavirus nella comunità. L’associazione che rappresenta gli alberghi e i ristoranti ha affermato che la riapertura dei ristoranti solo a pranzo non ha senso per l’attvità commerciale della maggior parte dei ristoranti.
Da oggi hanno riaperto tutti i negozi e servizi non essenziali, così come tutti i musei. Quattro persone possono riunirsi in pubblico e persone di quattro famiglie diverse possono riunirsi in residenze private. Si richiede di indossare le maschere in spiaggia.
Però, gli eventi di massa non riprenderanno una volta che il paese riaprirà al turismo il 1 giugno. Non c’è ancora una data in cui i bar, i club sociali e le palestre riapriranno e le scuole di lingua inglese sono state considerate ad alto rischio e non c’è ancora una data per la loro riapertura.
Intanto, il vice primo ministro e ministro della sanità Chris Fearne ha annunciato che il certificato di vaccino entrerà in vigore a maggio e questo faciliterebbe i viaggi. Malta dovrebbe stipulare accordi bilaterali con paesi fuori dall’UE per riconoscere i certificati ed esentare i viaggiatori dalla quarantena in caso di vaccinazione completa. Le autorità maltesi stanno insistendo sul fatto che a partire dall’1 giugno i passeggeri dovrebbere presentare il certificato o un test PCR negativo per poter salire a bordo di un aereo per Malta, altrimenti sarà impedito a loro di salire a bordo. Al momento, il 30% dei passeggeri arrivano a Malta senza un test PCR.
Malta ha 422 casi attivi mentre 413 hanno perso la vita a causa della pandemia. Fino a domenica, le autorità sanitarie hanno somministrato oltre 313.279 dosi di vaccino con 100.686 come seconda dose.
(ITALPRESS).