Azzi nuovo presidente Fis “Grande voglia di fare”

La Federazione italiana scherma sceglie la continuità per continuare a vincere. L’assemblea nazionale elettiva della Fis, riunita a Roma, ha premiato la candidatura dell’ex vicepresidente federale Paolo Azzi, che guiderà il movimento nel quadriennio olimpico 2021/2024. Il dirigente toscano ha vinto la sfida con l’olimpionico Michele Maffei: Azzi (nella foto Bizzi) ha ricevuto 287 voti sui 421 validamente espressi, mentre lo sfidante si è fermato a 134 preferenze. “Sono veramente emozionato – ha ammesso il nuovo presidente – è un momento particolare. Rinnovo il saluto e il ringraziamento a Giorgio Scarso: ne prendo il testimone, per me è un onere grandissimo. Sono in questo mondo da tanto tempo, ma la passione è la stessa di quando ero ragazzino. Con il rinvio dei Giochi di Tokyo il mio sarà un quadriennio biolimpico, una cosa inedita, ma prima di tutto bisogna ripartire perché viviamo ancora l’emergenza Covid: dobbiamo rimettere in moto l’attività nel rispetto di tutte le normative. C’è grande voglia di fare, farò tutto il possibile per lavorare al meglio per il bene del movimento”. L’assemblea della Fis, aperta dai saluti del presidente del Coni Giovanni Malagò e dai videomessaggi del numero uno del Cip Luca Pancalli, del presidente e amministratore delegato di Sport e Salute Vito Cozzoli e del ministro per lo sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, ha inoltre nominato presidente onorario Giorgio Scarso, visibilmente emozionato. “Sono stati venti anni di successi e di emozioni alla guida di una grande federazione – ha dichiarato il dirigente siciliano – Ho commesso sicuramente errori, ma tornando indietro farei le stesse scelte perché sono state fatte tutte in buona fede. Ringrazio tutti voi che rappresentate la meravigliosa Federazione italiana Scherma”.