Tisci “Da Finali Nazionali grande segnale per ripartire”

ROMA (ITALPRESS) – Si sono concluse ieri, con la finale scudetto Under 17 di Serie C, le Finali Nazionali Giovanili organizzate dal Settore Giovanile e Scolastico della Figc e disputate a Ravenna e Cesena. Un appuntamento di grande rilevanza per ciò che rappresentano, in termini di prestigio e da un punto di vista tecnico e sportivo, le competizioni per le società professionistiche a livello giovanile, in particolare dopo le ultime due stagioni fortemente condizionate dalla pandemia. Anche se in modo ridotto rispetto alle passate edizioni pre-Covid 19, la kermesse del 2021, disputata in Emilia Romagna, nei Comuni di Cesena e Ravenna, ha fotografato la vera e propria ripartenza delle attività SGS a carattere nazionale, con cinque gare in diretta Sky e tre titoli italiani assegnati: Under 18 Serie A e B (Genoa), Under 17 Serie A e B (Roma) e Under 17 Serie C (Como).
“Voglio innanzitutto esprimere grande soddisfazione per quanto svolto in Emilia Romagna in queste settimane – ha dichiarato il presidente SGS, Vito Tisci – come Federazione e Settore Giovanile e Scolastico era importante ripartire e dare un segnale di rilievo per la ripresa delle attività, anche nell’ottica della prossima stagione sportiva. E non c’era miglior modo delle finali professionistiche: un appuntamento che ci dà grande prestigio, sia per l’organizzazione, come sempre impeccabile, che per gli attori in campo”. “Per questo – ha proseguito Tisci – ci tengo a ringraziare le amministrazioni locali di Cesena e Ravenna che hanno accolto con il consueto entusiasmo la manifestazione, sostenendoci sotto ogni aspetto, lo staff nazionale SGS, che ha dimostrato ancora una volta la propria professionalità, le società sportive coinvolte, esempio di correttezza e passione verso la manifestazione e le istituzioni, e alla classe arbitrale che, come sempre, nel rivestire un ruolo fondamentale, ha dimostrato la propria serietà e affidabilità. Ci auspichiamo che queste competizioni – ha concluso Tisci – assieme alle altre iniziative del Settore Giovanile e Scolastico in essere possano costituire un viatico positivo per un ritorno alla normalità già dall’inizio della stagione 2021-2022”.
(ITALPRESS).