Svitolina batte Potapova a Monterrey “In missione per l’Ucraina”

MONTERREY (MESSICO) (ITALPRESS) – Elina Svitolina supera il primo turno all'”Abierto GNP Seguros 2022″, torneo WTA 250 dotato di un
montepremi di 239.477 dollari in corso sui campi in cemento del
Sonoma Club di Monterrey, in Messico. La tennista ucraina, testa di serie numero 1, vestita con i colori del suo paese, ha dominato per 6-2 6-1, in un’ora e 4 minuti di gioco, la russa Anastasia Potapova. “Penso che la mia missione sia unire la comunità tennistica per aiutare l’Ucraina – ha detto Svitolina dopo la partita – Sono qui per questo. Vado in campo per la mia nazione e faccio il massimo usando le mie risorse per invitare le persone ad aiutare la mia nazione”. Svitolina, che ha promesso di donare i montepremi dei prossimi tornei per aiutare la resistenza contro l’invasione russa e fornire aiuti alla popolazione civile provata da una settimana di guerra, non gioca solo per se stessa. “Gioco per la mia nazione, per aiutare l’esercito ucraino, le persone bisognose di aiuto – ha spiegato – Ogni mia vittoria sarà molto speciale”. La numero 15 del mondo e miglior tennista ucraina nel ranking Wta aveva annunciato l’intenzione di non affrontare tenniste russe e bielorusse finchè la Wta non avesse preso posizione dopo l’invasione della sua nazione. Presa di posizione che poi c’è stata, con la decisione di Atp e Wta che gli atleti rappresentanti di Russia e Bielorussia non potranno essere associati al nome o alla bandiera della propria nazione fino a nuovo ordine. Posizione presa dopo la decisione dell’ITF di sospendere le due nazioni, escluse dunque da tutte le competizioni a squadre, su tutte Coppa Davis e Billie Jean King Cup che la Russia ha vinto nel 2021. La scelta di campo di Atp e Wta, che hanno anche cancellato il torneo combined di Mosca previsto in calendario per il prossimo ottobre, ha dunque convinto Svitolina. “La mia avversaria non giocherà sotto la bandiera russa, andrò in campo e indosserò una divisa con i colori dell’Ucraina. E’ come se avessi la mia nazione sulle spalle – ha detto ad ITV -. Nella comunità tennistica avremmo dovuto fare di più. Ormai siamo al sesto giorno di guerra, cose orribili stanno accadendo in Ucraina. Per quello avevo fatto questa mossa, perchè non sentivo abbastanza sostegno. Noi ucraini non potevamo più restare in silenzio. Di sicuro, non sarà un match WTA come gli altri”. Difficile anche la situazione della ventenne Potapova che, come tutti i tennisti russi, si trova a pagare individualmente per decisioni del suo governo sulle quali non ha alcuna responsabilità. E lo stesso si può dire per Andrey Rublev, per il nuovo numero 1 del mondo Atp Daniil Medvedev, i due top player russi che hanno espresso il loro disappunto verso l’invasione dell’Ucraina da parte dell’esercito russo. “Sfortunatamente noi atleti stiamo diventando ostaggi di questa situazione – ha scritto Potapova su Instagram – Mi dispiace, anche se non mi interesso di politica sono contro la guerra”.
(ITALPRESS).

Vuoi pubblicare i contenuti di Italpress.com sul tuo sito web o vuoi promuovere la tua attività sul nostro sito e su quelli delle testate nostre partner? Contattaci all'indirizzo info@italpress.com