OLIVERIO “IN CINQUE ANNI RISULTATI SIGNIFICATIVI”

“Nel corso di questi cinque anni il Consiglio regionale ha prodotto risultati significativi e importanti dei quali bisogna essere orgogliosi. Non è vero che questa istituzione è impotente, indifferente o sorda rispetto alle problematiche della comunità. Chiudiamo la legislatura in modo ordinato”. Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, intervenendo in Consiglio regionale poco prima della conclusione della riunione odierna che, come ha spiegato lo stesso governatore, era “l’ultima seduta di questa legislatura”.

“Sento il dovere di intervenire – ha detto Oliverio in apertura del suo discorso – per ringraziare il presidente del Consiglio, i consiglieri di maggioranza e opposizione che hanno svolto la loro funzione di rappresentanza con grande dignità, rigore e diligenza. Mi preme fare queste considerazioni perché sovente sulla politica si fa presto a scaricare anatemi. Credo che fare una riflessione ed esprimerla sulla difficoltà di una funzione di rappresentanza è importante perché l’alternativa è assecondare un vento che è quello della rinuncia, del cosiddetto populismo che oggi è di moda”.

“Il fatto che il Consiglio abbia approvato l’esercizio provvisorio – ha continuato Oliverio – è un fatto di grande responsabilità. Avremmo fatto male ad avere la presunzione di approvare un bilancio. Avremmo leso la sovranità popolare. È giusto – ha spiegato il governatore calabrese – che la prossima legislatura abbia una guida a partire dall’indomani della data delle elezioni”.

“Questo Consiglio regionale – ha aggiunto il presidente della Giunta tracciando un bilancio della legislatura – ha il merito di avere dotato questa regione di strumenti di programmazione che non aveva da molto tempo. Penso, per esempio, al piano trasporti, alla ferrovia ionica, all’organizzazione dei servizi, alle infrastrutture viarie come la statale 106, alla portualità, al sistema aeroportuale perché abbiamo finalmente rotto i localismi con una società che gestisce i tre scali. Il Consiglio regionale ha prodotto strumenti importanti”.

Tornando sul tema della Sanità, Oliverio ha evidenziato che “bisogna continuare a battersi perché la regione si riappropri della funzione di governo del settore. Bisogna farlo con determinazione perché i diritti, a partire da quello alla salute, non possono essere diversificati in termini di aree territoriali. A conclusione di questa legislatura ripropongo con determinazione e forte convinzione – ha dichiarato – la necessità che si chiuda la pagina buia delle esperienze commissariali”.

“La legislatura – ha detto – sul piano dei risultati ha prodotto tanto. E tanto sarebbe stato possibile ancora fare. Tanti auguri alla Calabria – ha concluso Oliverio – perché il lavoro fatto possa essere una base importante per andare avanti”.
(ITALPRESS).