Malta, ex ministro Mizzi espulso dal gruppo parlamentare laburista

Il primo ministro maltese e leader del partito laburista Robert Abela ha confermato che l’ex ministro dell’energia Konrad Mizzi è stato espulso dal gruppo parlamentare laburista. L’annuncio è stato dato dal premier a seguito di una riunione tra il gruppo parlamentare laburista e il Comitato esecutivo del Partito. La decisione su Konrad Mizzi segue le accuse in relazione ai Panama Papers e alla compagnia segreta 17 Black registrata a Dubai. Prima della riunione, il primo ministro maltese ha chiesto al parlamentare Konrad Mizzi di dimettersi. In una votazione a scrutinio segreto durante la sessione speciale di questa sera, 71 membri hanno votato a favore dell’espulsione di Mizzi, 1 si è astenuto e 1 ha votato contro. C’è stato un consenso generale tra i membri del gruppo parlamentare e il comitato esecutivo del partito laburista che l’ex ministro Mizzi, deve lasciare o dimettersi. Mizzi ha seguito la discussione e tutto il procedimento online perché è in quarantena dopo il suo ritorno a Malta dal Regno Unito.

In un post su Facebook, Konrad Mizzi ha scritto di rispettare Robert Abela ma di non essere d’accordo con la richiesta di dimissioni. Ha aggiunto che continuerà a fare il parlamentare perché è un suo diritto. L’ex ministro dell’Energia, insieme all’ex primo ministro Joseph Muscat e l’ex capo dell’ufficio del primo ministro, Keith Schembri, sono sotto accusa di corruzione dall’opposizione e dalla società civile. Questa settimana è emerso in tribunale che 17 Black, la compagnia segreta registrata a Dubai, proprietà dell’imprenditore Yorgen Fenech, ha realizzato 4,6 milioni di euro a seguito della decisione presa nel 2015 dalla compagnia statale Enemalta per acquistare un parco eolico in Montenegro. Fenech è accusato di essere il mandante dell’assassinio della giornalista maltese Daphne Caruana Galiza nel 2017. Enemalta ha commissionato una investigazione interna e ha chiesto alla polizia di indagare. Recentemente l’ex ministro dell’economia Chris Cardona si è dimesso dal Parlamento ed è stato costretto a dimettersi da vice capo laburista. Il suo nome è stato menzionato durante le testimonianze in procedimenti giudiziari secondo cui avrebbe finanziato parte dell’assassinio della giornalista Caruana Galizia. Nel frattempo, l’opposizione nazionalista ha dichiarato che a seguito delle rivelazioni che riguardano lo scandalo del parco eolico in Montenegro, l’ex primo ministro Joseph Muscat dovrebbe essere espulso dal gruppo parlamentare laburista. Però, il primo ministro Robert Abela ha affermato che il caso dell’ex premier Joseph Muscat è completamente diverso da quello di Mizzi perché l’unico errore che ha commesso è stato quello di non prendere la decisione al momento giusto. Per questo, Muscat ha pagato un prezzo politico, ha dichiarato Abela.

(ITALPRESS/MNA).