JUVE-MILAN 1-1… E IL NAPOLI SOGNA IL PRIMATO SOLITARIO

Da Udinese-Napoli, nel Monday Night, sapremo se in vetta ci saranno novità dopo il pari di Juve-Milan. La squadra di Spalletti potrebbe restare al comando da sola in caso di vittoria Udine. Le prime verità sul campionato sono venute a galla. Di seguito a varie schermaglie e qualche battuta a vuoto, abbiamo avuto la conferma che l’Inter campione si ricandiderà per lo scudetto, con il citato Milan e il Napoli. Attualmente in testa ci sono le milanesi seguite da Roma, Napoli (una partita in meno) e dalla new entry Fiorentina. L’Atalanta migliora e c’è la mina vagante Udinese. Nella partitissima di Torino, meglio la Juve nel primo tempo con Dybala protagonista e Morata goleador. Nella ripresa è cresciuto il Milan e ha pareggiato con Rebic, tutto sommato meritatamente. Ora la Juve è terz’ultima e paradossalmente giocherà a La Spezia uno scontro…salvezza. L’Inter ha strapazzato il Bologna con punteggio tennistico. Dopo il mezzo passo falso di Marassi, la squadra nerazzurra si è scatenata contro i rossoblu. I campioni hanno – con 15 gol – l’attacco più forte. La squadra di Mihajlovic si è afflosciata dopo il buon debutto. Ma ci sono dei valori tecnici che non possono essere sovvertiti facilmente.
Le romane, alle prese con due squadre che avevano appena cambiato allenatore (Tudor aveva preso in mano il Verona e Mazzarri il Cagliari), hanno scoperto di avere difese di burro: i giallorossi ne hanno presi tre, i biancocelesti due. Risultati non certo efficaci per la classifica delle squadre capitoline. A Mourinho non sono serviti i pizzini ai propri giocatori, nè il prodigioso gol di Pellegrini (di tacco!). Primato perso. Allo squalificato Sarri non è giovato il bel gol di Immobile (il quinto). I veronesi (vittoria in rimonta) e i sardi hanno dato forti segni di ripresa. La Fiorentina, alla terza vittoria consecutiva, ha marcato una certa superiorità sul Genoa a Marassi e ha segnato un bel gol con Saponara. Italiano ha cominciato bene. I rossoblù hanno solo illuso con il successo di Cagliari? L’Atalanta, dopo un inizio in salita, sta riprendendo con i gol di Zapata. La Salernitana spera troppo in Ribery. La difesa granata fa acqua (12 gol subiti: tre a partita). Il Torino ha continuato ad andare avanti vincendo sul campo di un Sassuolo che ha perso qualcosa con la partenza di Locatelli e Caputo e forse di De Zerbi. Juric comincia a funzionare. La Sampdoria ha vinto la prima partita stagionale a Empoli: Caputo (doppietta e traversa) e Candreva hanno proiettato i blucerchiati nella zona tranquilla della classifica.
I toscani hanno vinto una sola volta: sul campo della Juve, ma i punti sono sempre tre. La vittoria in extremis dello Spezia a Venezia ha relegato la squadra lagunare in fondo alla classifica, poco sopra il fanalino di coda Salernitana. Per Thiago Motta un bel sospiro di sollievo alla vigilia della partita con la Juve che affronterà con due punti in più…
Il Napoli a Udine avrà la novità Zielinski dall’inizio. Spalletti per il resto farà leva su una squadra collaudata in cui Osimhen sarà la punta di diamante. Gotti ha trovato una formazione affidabile e non cambierà. Arbitro Manganiello. Ci aspetta insomma un interessante turno infrasettimanale con Fiorentina-Inter partita clou.
(ITALPRESS).