IL 23 SETTEMBRE A ROMA LA HALF MARATHON VIA PACIS

Una manifestazione “aperta a tutti coloro vogliano dire di no alla violenza, no al razzismo, no alla discriminazione di ogni genere e provenienza”.

Tutto pronto per la seconda edizione della Rome Half Marathon Via Pacis, la mezza maratona multi religiosa per la pace che si correrà il prossimo 23 settembre e presentata oggi all’interno del Colosseo, dove sono intervenuti il sindaco Virginia Raggi, Monsignore Melchor Sanchez de Toca del Pontificio Consiglio della Cultura e responsabile del settore Cultura e Sport; Alfio Giomi, presidente Fidal; Daniele Frongia, assessore allo sport, politiche giovanili e grandi eventi, e Alfonsina Russo, direttore del Parco archeologico del Colosseo. La seconda edizione della gara si svolgerà domenica 23 settembre, con partenza alle 9 da Piazza San Pietro e, secondo Virginia Raggi, si tratta di una scommessa vinta “sulla possibilità di unire culture e popoli, con un messaggio che va oltre le differenze. Bisogna creare ponti. Un impegno che la nostra città rinnova per promuovere gli ideali di pace e di solidarietà, dialogo e rispetto”. Per Monsignor Melchor Sanchez de Toca, le parole guida della manifestazione saranno “inclusione, ispirazione e impegno”, in un percorso che si ispira lontanamente al percorso delle 7 chiese, cercando di collegare idealmente, nel tessuto urbano di Roma, i luoghi di culto più rappresentativi” della Capitale.

 

Infatti, la manifestazione abbraccerà cinque tappe che sottolineeranno la partecipazione delle diverse confessioni religiose: San Pietro, la Sinagoga, la Moschea, la Chiesa Valdese e la Chiesa Ortodossa in due percorsi podistici: uno di 21km per la competitiva e l’altro di 5 km per la non competitiva. “Come federazione siamo convinti, da sempre, che lo sport sia un linguaggio universale, uno strumento prezioso per diffondere il dialogo e l’integrazione. Di questi valori l’atletica italiana è portatrice dentro e fuori i contesti agonostici”, ha detto Giomi. Al termine della presentazione, gli organizzatori hanno inserito il loro messaggio di pace all’interno di una teca trasparente. “Io corro perché Roma è fatta da una comunità di persone che si aiutano e alla fine vincono tutte insieme”, è stata la testimonianza della Raggi.