Mafie, Fico: “Attenti, potrebbero approfittare del Pnrr”

ROMA (ITALPRESS) – “Siamo ancora lontani, molto lontani dal realizzare gli obiettivi per cui ha combattuto sino al sacrificio, a partire appunto da quelli evidenziati negli articoli raccolti in questo volume: il disagio sociale, la disoccupazione giovanile, le diseguaglianze”. Lo ha dichiarato il presidente della Camera, Roberto Fico, intervenendo al convegno in occasione del 36° anniversario dell’uccisione del giornalista Giancarlo Siani, presso la Nuova Aula del Palazzo dei Gruppi parlamentari della Camera dei deputati.
“Conosciamo la capacita’ di penetrazione nella societa’ e nell’economia da parte della camorra – ha aggiunto -. E vediamo che purtroppo la criminalita’ giovanile prolifera in mancanza di adeguati interventi sul piano sociale e culturale. Sono poi evidenti i rischi derivanti dalla crisi provocata dal Covid. Come denunciato da autorevoli rappresentanti delle Istituzioni, della Magistratura e delle forze dell’ordine, le mafie potrebbero, per un verso, approfittare delle gravi difficolta’ di ampie fasce della popolazione e del sistema produttivo per rafforzarsi ulteriormente”.
“Per altro verso, lo stanziamento senza precedenti di ingenti risorse nell’ambito del Piano per la ripresa e la resilienza potrebbe essere per loro una grande opportunita’ di arricchimento – ha sottolineato -. Ritengo pertanto che sia piu’ che mai necessario fare in modo che l’attuazione del PNRR segni un passo decisivo per dare soluzione al ritardo di sviluppo del Mezzogiorno, proiettandolo verso uno sviluppo economicamente e socialmente sostenibile. Creando, come sognava Giancarlo, occupazione di qualita’ e non lasciando nessuno indietro. Per fare questo occorre combinare regole che sappiano garantire al tempo stesso capacita’ di progettazione e di spesa da parte, soprattutto, degli enti locali con adeguati presidi della legalita’”.
(ITALPRESS).