Documenti per cambio residenza

150
Documenti per cambio residenza

Se stai cercando informazioni sui documenti per cambio di residenza, abbiamo una buona notizia, considerato che nelle righe che seguono abbiamo voluto riassumere, in una pratica guida, tutto quello che devi assolutamente conoscere su questa procedura.

Peraltro, recenti innovazioni permettono di effettuare il cambio di residenza in modo ancora più semplice, senza doversi necessariamente spostare da casa. quanto basta per poter concludere che, in fondo, è possibile compiere tale intervento in modo semplice e pratico, economico e conveniente. Ma come?

Quali documenti servono

Andiamo con ordine. Per poter effettuare il cambio di residenza è necessario che il soggetto interessato si procuri un documento di identità in corso di validità e un codice fiscale. Se invece si è un cittadino extra comunitario, a quanto sopra bisognerà aggiungere il passaporto e una sua fotocopia, e il documento di soggiorno e due sue fotocopie.

Una volta recuperati i documenti di identità, occorrerà sottoscrivere il modello unico ministeriale di dichiarazione anagrafica (chiamato comunemente “dichiarazione di residenza”), disponibile sul sito internet del Comune o presso gli uffici municipali.

In allegato a ciò sarà altresì necessario rendere la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, corredata da tutte le informazioni necessarie, che saranno utili agli uffici comunali per poter verificare la veridicità della dichiarazione resa agli sportelli. Si ricorda che l’ufficiale dell’anagrafe non accetta domande in carta libera, che siano redatte in un formato diverso rispetto a quello previsto dal modello unico ministeriale, e che non sono accettate nemmeno le domande che non siano compilate in tutte le parti obbligatorie. Per questo motivo, e al fine di evitare ogni malinteso, bisogna sempre riporre grande attenzione nella compilazione del documento.

Come effettuare il cambio di residenza

Chiarito quanto sopra, torniamo a quanto abbiamo anticipato in apertura di approfondimento, quando abbiamo confessato che oggi è possibile effettuare il cambio di residenza direttamente da casa, senza che sia più necessario recarsi di persona presso gli uffici comunali.

A permetter tutto ciò è stato il decreto c.d. “Semplifica Italia”, che permette a tutti i soggetti interessati di recarsi nell’apposita sezione del sito internet del proprio Comune, scaricare i moduli e procedere all’operazione senza doversi recare personalmente presso gli uffici amministrativi, ma limitandosi a spedire i documenti da casa.

Una volta che la richiesta è stata effettuata, avrà valore legale dopo 2 giorni dalla consegna del plico. A sua volta, l’amministrazione competente avrà 45 giorni di tempo per poter eseguire i controlli di rito sulla correttezza della documentazione, al termine dei quali i documenti del cambio di residenza saranno accettati per tacito assenso.

Non solo. In alcuni casi è anche possibile evitare di inviare la documentazione cartacea: se si dispone di un account di posta elettronica certificata e di un software per la firma digitale, o in alternativa una carta di identità elettronica o una carta nazionale dei servizi, si potrà evitare il passaggio cartaceo ed effettuato tutto in via telematica.

Leggi anche: Chiudere libretto postale cointestato con un defunto

Considerazioni sul cambio di residenza

Insomma, come abbiamo visto nelle righe di cui sopra, effettuare il cambio di residenza è davvero molto semplice e, in buona parte delle ipotesi, soprattutto se disponi già di una firma elettronica, non dovrai nemmeno uscire di casa, potendo gestire l’intero iter comodamente dal tuo divano.

Non è d’altronde una sorpresa: nell’epoca di Internet e dell’esplosione delle nuove tecnologie, finalmente anche ai cittadini italiani è consentito di poter effettuare una simile azione di variazione di residenza da casa, accorciando i tempi di disbrigo delle pratiche ed evitando i costi che altrimenti bisognerebbe sostenere.

Ad ogni modo, il nostro suggerimento è certamente quello di prendere preliminare visione del sito internet del proprio Comune di appartenenza, dove sarà presente una pagina apposita in grado di disciplinare i vari passaggi per poter rendere le dichiarazioni del caso.