De Luca “In Campania Movida fino alle 23, al Sud più rigore”

VINCENZO DE LUCA PRESIDENTE REGIONE CAMPANIA

NAPOLI (ITALPRESS) – “Bene la posizione di Francesco Boccia, è una posizione ragionevole che mi convince”. Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, in diretta streaming su Facebook per fare il punto della situazione sull’emergenza Covid-19, commenta le dichiarazioni del ministro degli Affari regionali sullo spostamento tra Regioni il 3 giugno secondo il quale non è scontato ma dipenderà dalla condizione epidemiologica di una regione. Sulla Movida il governatore campano dice: “Basta rincretinirsi con gli alcolici. I baretti della movida resteranno chiusi alle 23. Tornare alla normalità non può significare che si può tornare a fare quello che si faceva prima. Sollecito il ministero dell’Interno a dare direttive rigorose sull’uso delle mascherine e degli assembramenti notturni. Per la Movida dobbiamo fare in modo che non ci siano solo rumori, ammuina, al punto che non si riesce più nè ad ascoltarsi nè a parlarsi. E poi cogliamo l’occasione cambiando tanti comportamenti per sviluppare non solo una campagna per avere l’epidemia zero, ma per avere anche cafoneria zero. Vorremmo far partire una campagna anche di valore internazionale: no boor, cafoni zero. Una bella occasione per far crescere anche lo spirito civico e soprattutto per umanizzare i momenti di incontro e di divertimento”.

 

“In queste settimane è sembrato che i comportamenti più rigorosi venissero dal sud e qualche elemento di ammuina venissero dal nord ha continuato De Luca – Il modello Campania – aggiunge – consiste in 3 obiettivi, aprire tutto ma per sempre, tutelare la vita delle persone, e dare un aiuto alle fasce deboli della popolazione oltre che alle imprese in difficoltà”.
(ITALPRESS).