AL PARCO VALENTINO SUZUKI SI ISPIRA ALLA KATANA

Protagonista del Salone dell’Auto di Torino – Parco Valentino sin dalla sua prima edizione, Suzuki, quest’anno si conferma tra le grandi presenze della kermesse piemontese. Lo stand Suzuki, il numero 26, posto sulla riva del fiume Po, vicino al Castello del Valentino, esprimerà lo stile e le performance esclusive in tutti i settori in cui Suzuki eccelle: auto, moto e motori fuoribordo. Grazie all’esposizione di iconiche realizzazioni che il Marchio di Hamamatsu ha ideato appositamente per la kermesse Torinese e per il mercato italiano. Lo stand è ispirato alla Katana, una moto che negli anni 80 ruppe gli schemi progettuali delle moto sportive, presente sullo stand nell’edizione Jindachi. Le altre protagoniste sono Jimny Gan, Vitara Katana e DF350A Katana. Carolina Kostner, Brand Ambassador di Suzuki, sarà presente allo stand 26 mercoledì 19, tra le ore 17 e le ore 18, a disposizione dei fan per autografi e foto. In serata parteciperà alla President Parade accompagnata da Massimo Nalli, Presidente di Suzuki Italia, in qualità di chauffeur di eccezione a bordo della straordinaria Jimny Gan.
La presenza di Suzuki al Salone dell’Auto di Torino si completerà, infine, con due strutture adiacenti al Parco, che daranno ai visitatori l’occasione di mettersi alla guida per testare alcuni tra i modelli delle gamme Auto e Moto Suzuki. L’area espositiva di Suzuki celebra la filosofia di Katana, dove si fondono tradizione ed eccellenza. In Giappone la Katana è “un’arma talmente potente da permettere di vincere la guerra senza scendere nel confronto diretto.” (Cit. “L’Arte della Guerra”); l’affilatissima spada dei Samurai che racchiude in tre concetti la filosofia che rappresenta: Kiwami “il livello di eccellenza”: rappresenta l’impegno senza compromessi per l’eccellenza stilistica; Hagane “La perfezione forgiata”: manifesta la dedizione nell’assicurare il massimo delle prestazioni che, nel caso di Suzuki, trovano la loro espressione nel: SUV performante e sicuro VITARA, nell’esclusiva tecnologia del DF350A e nelle performance ulteriormente esaltate della sportiva Katana edizione Jindachi; Kiru “il taglio decisivo”: è lo stile tagliente e innovativo e rappresenta il perno su cui ruotano le porte di accesso al futuro delle mobilità.

Suzuki Jimny debutta per la prima volta al Salone dell’Auto di Torino con due esemplari in allestimento Gan; realizzato da uno dei più celebri marchi di elaborazioni off-road: Zanfi. In giapponese, “Gan” descrive tutto quello che è “forte”, “duro”, ma anche “testardo” e “difficile da smuovere”. Jimny Gan rappresenta la “testardaggine” di una vettura che non trova compromessi né ostacoli lungo la sua marcia. Il suo design può essere identificato con il termine “Kiru”: un taglio stilistico unico, impareggiato mix tra modernità e tradizione. Nulla di più azzeccato per una vettura che in allestimento standard è inarrestabile e diventa sbalorditiva nelle sua capacità fuoristradistiche dopo il “maquillage tecnico” di Zanfi. L’allestimento prevede un assetto rivoluzionato e rialzato di 100 mm, con molle, ammortizzatori, barre Panhard e bracci nuovi e un’altezza minima da terra di ben 310 mm. Gli interventi firmati Zanfi si ritrovano anche nella barra antirollio sganciabile, negli alberi della trasmissione rinforzati, nei differenziali protetti da paratie saldate e nei distanziali da 30 mm sulle ruote, che montano pneumatici tassellati 235/75.
All’esterno la caratterizzazione off-road comprende una griglia elastica portacavo assicurata al cofano motore, una fascia laterale parasassi color antracite chiaro, che riprende la tonalità dei cerchi e riporta il Kanji “Gan” presenta anche sul copertura della ruota di scorta. La personalizzazione prevede che i due esemplari esposti al Valentino portino i numeri #13 e #17, a sfida della scaramanzia. All’interno, i sedili riportano il Kanji “Gan” e il logo Jimny. L’abitacolo è impreziosito da un raffinato rivestimento in materiale pregiato di colore nero con inserti in Alcantara traforato con trama grigio ghiaccio; lo stesso rivestimento ricopre le maniglie interne e la plancia, sempre con cuciture a contrasto silver. Uno dei due esemplari sarà esposto sullo stand, mentre il secondo sarà impegnato in una sessione di test drive gestita dallo specialista Zanfi in una dedicata area off-road, dove darà prova delle sue capacità affrontando un percorso ad ostacoli artificiali.
Uno dei due Jimny Gan condurrà il presidente di Suzuki Italia, Massimo Nalli e Carolina Kostner per le vie di Torino durante la President Parade, a dimostrazione di come il fuoristrada di Hamamatsu sia a suo agio anche quando è chiamato a sfilare in città con le supercar. Vitara e DF350A in allestimento Katana rappresentano i due prototipi con cui le divisioni Auto e Marine di Suzuki desiderano rendere il giusto tributo alla iconica 2ruote supersportiva Katana. La Vitara Katana è basata su un esemplare 1.4 Boosterjet 4×4 AllGrip in colorazione Grigio Londra con tetto nero. Il frontale è stato reso più aggressivo dagli inserti sulla griglia frontale e dalle cornici delle luci diurne DRL, entrambi di colore nero. Gli accenti rossi sulla modanatura frontale inferiore, sugli inserti laterali del cofano e nella zona posteriore donano ulteriore carattere alla linea, che è completata da protezioni laterali off-road e dallo spoiler posteriore in tinta col tetto.
Il “Kiwami” di Vitara Katana è rappresentato dalla trazione integrale 4×4 ALLGRIP Select, che mette a frutto tutta l’esperienza Suzuki in materia di 4×4. Questo sistema è pratico ed efficace e richiede al pilota solo di selezionare una modalità tra Auto, Sport, Snow e Lock a seconda del tipo di fondo da affrontare. Ogni funzione sfrutta, quindi, logiche diverse per adattarsi meglio al terreno e allo stile di guida, permettendo a VITARA di raggiungere ogni meta e di allargare gli orizzonti di chi la sceglie. Con la sua tecnologia e le sue performance, il motore fuoribordo DF350A Katana esprime al meglio il concetto di “Hagane” e si pone al vertice della gamma fuoribordo Suzuki. Il DF350A Katana dispone di un sistema di propulsione con due eliche controrotanti DUAL PROP, la cui tecnologia esalta la generosa coppia del V6 da 4.390 cc e consente di raggiungere più rapidamente la planata, migliorando l’assetto di navigazione. Un altro elemento distintivo è il sistema a combustione magra “Suzuki Lean Burn”, adottato su buona parte della gamma e che permette di ridurre i consumi e le emissioni fino al 16%. In linea con VITARA Katana, il DF350A Katana sfoggia una livrea in cui dominano le tonalità del grigio e del nero con dettagli rossi.

Suzuki Katana Jindachi, una moto sportiva e super esclusiva che, richiama l’iconica e innovativa Katana degli anni 80. Una moto capace di rivoluzionare gli schemi precostituiti, riscrivendo le regole del design motociclistico. Katana, in edizione Jindachi, arricchisce l’eccezionale base meccanica con una serie di accessori che migliorano le prestazioni ed esaltano la personalità. L’allestimento comprende: uno scarico in titanio, appositamente realizzato per la Katana dallo specialista Akrapovic, rende la linea sportiva e aggressiva; ne esalta le prestazioni attraverso un sensibile risparmio di peso e, grazie ad una fluidodinamica ottimizzata, dona un sound corposo al motore; una sella bicolore nera e rossa di pregevole fattura, con il logo Katana stampato; un set di finiture estetiche adesive per la carrozzeria che sottolineano la sagoma filante delle sovrastrutture. Le stesse vengono riprese anche sui cerchi; una protezione completa in carbon look per il serbatoio che limita il rischio di graffi alla verniciatura e che ne accentua la grinta; un cupolino maggiorato protegge meglio il busto del pilota in velocità e dà continuità alle linee del frontale.

Al Parco Valentino Suzuki sarà l’unica Casa a dare la possibilità al pubblico di provare alcuni tra i principali modelli di Hamamatsu, sia auto che moto. Gli appassionati delle quattro ruote potranno mettersi al volante di Jimny Gan nell’area dedicata all’off-road e guidare su strada Suzuki Vitara, capostipite di tutte le Suv compatte, e Swift Sport, la hot hatch che vanta i migliori rapporti peso-potenza e peso-coppia della categoria, nella grintosa livrea utilizzata come Auto Ufficiale dell’ACI Rally Italia Talent 2019. Gli amanti delle due ruote potranno recarsi al truck Suzuki, situato presso l’ingresso Villoresi (lato Torino Esposizioni), registrarsi e saltare in sella a 8 modelli Suzuki: l’ambita Katana, le versatili V-Strom 650 XT e 1000 XT, la vintage SV550X TER, la veloce GSX-S1000, l’aggressiva GSX-S750 Yugen Carbon, l’accessibile GSX-S750 in versione depotenziata per i titolari di patente A2 e, infine, il re dei maxi scooter, il Burgman 400.