TURCHIA, TURISMO ALIMENTARE VERSO IL RECORD

Quest’anno il turismo alimentare in Turchia dovrebbe raggiungere i massimi storici in termini di numero di turisti e entrate. Lo riporta il Daily Sabah Business.

Nell’ambito dell’obiettivo turco di reggiungere 50 milioni di turisti e 40 miliardi di dollari di fatturato, quest’anno si prevede che la quota del turismo gastronomico raggiunga tra gli 8 e i 10 miliardi di dollari. Kaya Demirer, presidente della Turkish Restaurants and Entertainment Association (TURYID), ha dichiarato che la spesa pro capite per i turisti è stata di $ 650 l’anno scorso. “Ci aspettiamo che questa cifra raggiunga i 720 $ quest’anno, ci concentriamo sul turismo gastronomico con una serie di promozioni e abbiamo anche ricevuto il pieno supporto dal Ministero” Demirer ha aggiunto che prevedevano un fatturato di almeno $ 8 miliardi nel 2019, in parallelo con le aspettative record nel settore del turismo.

Secondo i dati del settore, il fatturato del turismo alimentare nella sola Antalya è di circa 2,5 miliardi di euro ($ 2,81 miliardi). Fazli Yalçindag, capo della Federazione dei Macellai della Turchia, ha detto che il rilancio del settore turistico ha anche aumentato la domanda per il settore della carne, aggiungendo che il 5% della carne prodotta in Turchia è stata consumata nel settore del turismo. Un aumento anche solo dell’1% della domanda è molto significativo per gli allevatori di animali.

 

Poiché i boutique hotels e le strutture turistiche fanno i loro acquisti da commercianti locali in tutto il paese, il turismo contribuisce a tutti i settori.

Si stima che nelle strutture turistiche vengano consumati ogni anno 200 milioni di dollari di frutta e verdura. Questa cifra equivale a un quarto delle esportazioni verso la Russia. Kemal Kaçmaz, presidente della Turkish Fruit and Vegetable Exporters Association of Turkey (TYMSIB), ha affermato che i limoni mantenuti sull’albero piu’ del dovuto e le arance da spremere sono state preferite nelle strutture turistiche in estate, mentre il 70% degli agrumi nei magazzini sono stati consumati in questo periodo.

Secondo il sondaggio della Federazione degli albergatori turchi (TÜROFED), il consumo alimentare annuale di un hotel con 400 camere e il 65% di occupazione copre 56 tonnellate di cibo per colazione, 580 tonnellate di verdure e frutta, 59 tonnellate di carne rossa, 40 tonnellate di carne bianca, 12,5 tonnellate di salumi, 35 tonnellate di pesce, 322.000 uova, 35,5 tonnellate di patate, 41,5 tonnellate di farina, 666.000 litri di bevande, 80 tonnellate di latte e prodotti caseari e 412.000 litri di bottiglie acqua.

(ITALPRESS/MNA)