Suzuki Swift si rinnova e diventa più ecologica e tecnologica

A poche settimane dal lancio della Ignis, Suzuki raddoppia e presenta la nuova generazione anche della Swift. Venduta in più di sette milioni di esemplari nel mondo, in 15 anni in Italia ha superato quota 111.000. Molto apprezzata dal pubblico femminile, e da quello dei corsaioli per la versione Sport, ora Swift potenzia la sua componente ibrida garantendo emissioni sempre ampiamente sotto i 110 grammi di Co2 per chilometro, rientrando così appieno tra i veicoli che beneficiano deli Ecobonus, anche nella versione a quattro ruote motrici.
Un risultato ottenuto grazie al nuovo motore 1.2 ridisegnato per offrire la coppia massima di 107 Nm già a 2.800 giri, ben 1.600 giri in meno della versione precedente. L’erogazione della potenza, quindi, è subito disponibile ed integrata con il sistema Isg, che aggiunge qualche cavallo grazie a una batteria maggiorata da 10 Ah, rispetto ai 3 Ah della versione precedente. I consumi, grazie a nuovo motore e sistema ibrido, scendono così del 1 5% sul ciclo combinato e del 26% nel ciclo urbano. A usarla con attenzione, si possono sfiorare i mille chilometri di autonomia con un pieno.
A semplificare la guida un’amplissima serie di dotazioni, che vengono di solito offerte solo in vetture di una categoria superiore. Nella versione cool sono così disponibili: frenata automatica d’emergenza, avviso di superamento corsia, monitoraggio stanchezza, riconoscimento dei segnali stradali, monitoraggio degli angoli ciechi. L’allestimento Top aggiunge climatizzatore automatico, sistema keyless, retrovisori ripiegabili elettricamente, scheda navigatore con mappe 3D, alzacristalli elettrici posteriori. Di serie sistema infotainment con schermo touchscreen 7″, Bluetooth e integrazione smartphone, sedili riscaldati, vetri posteriori e lunotto oscurati, volante in pelle, climatizzatore, cerchi in lega da 16 pollici.
Tra le novità della Swift anche l’inserimento in gamma del cambio automatico Cvt a sette rapporti, che in città è sicuramente un’arma in più. A livello visivo sono stati inseriti alcuni piccoli cambiamenti, come una griglia frontale più profonda e alcuni inserti cromati. Rivisti alcuni dettagli degli interni, disponibili anche due nuove combinazioni di colore.
C’è poi la versione Sport. Qui il motore è un 1.4 Boosterjet da 129 cavalli, ibrido anch’esso grazie a un’unità elettrica da 10 kW. La coppia qui è di 235 Nm a 2.000 giri, quindi immediata e molto divertente. Rispetto alla versione precedente, i consumi si riducono del 16%. Grazie al peso di 1.020 chilogrammi il divertimento è immediato. I sedili avvolgenti e una posizione di guida bassa, creano un’atmosfera full racing. Il cambio a cinque rapporti fa il suo dovere in ogni condizione, e il sistema frenante anche in pista è reattivo. L’ottimo bilanciamento dei pesi, nella versione Sport come nelle altre, garantisce piena aderenza, e lo sterzo dà il meglio spingendo un pò, offre inserimenti sempre più precisi all’alzarsi della velocità, e con la Sport si può arrivare fino a 210 km/h. Se volete di più c’è la versione R1, ma dove iscrivervi alle corse. Ibrida come tutte le altre Swift ha debuttato al Rally della Lana a metà luglio, e partecipa al campionato italiano.

I prezzi del listino partono da 12.789 euro per la versione Cool, dopo aver sottratto i 1.500 euro dell’ecobonus e i 3.000 di sconto della rete di concessionarie. La commercializzazione della nuova Swift è prevista per settembre insieme a una campagna pubblicitaria che avrà il c.t. della nazionale di ciclismo, Davide Cassani come testimonial.
(ITALPRESS).