Sardegna, da Pnrr 140 mln per treno a idrogeno Sassari-Aeroporto

CAGLIARI (ITALPRESS) – Un intervento innovativo che premia la Sardegna come regione pilota della transizione energetica verso l’idrogeno. Il Presidente della Regione Christian Solinas accoglie con grande soddisfazione la notizia del finanziamento del nuovo collegamento ferroviario con treni ad idrogeno green Alghero centro – Alghero aeroporto, con la realizzazione di un impianto di produzione e stoccaggio di idrogeno in area aeroportuale. L’intervento rientra nel complesso delle attività finanziate nell’ambito del riparto delle risorse del Piano nazionale per gli investimenti complementari al PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) destinato alle ferrovie regionali. La Regione Sardegna aveva presentato a dicembre del 2020 una proposta per collegare le città di Alghero e di Sassari con l’aeroporto di Fertilia con una diramazione dalla linea ferroviaria esistente. La richiesta di finanziamento ammontava a 140 milioni di Euro, che sono stati interamente finanziati. L’intervento si inquadra nel più generale obbiettivo perseguito dall’UE di transizione energetica per lo sviluppo di una mobilità sostenibile. In particolare, il Piano nazionale per gli investimenti complementari è finalizzato ad integrare con risorse nazionali gli interventi del PNRR. L’intervento infrastrutturale è completato con un impianto di produzione e stoccaggio di idrogeno nonchè con la fornitura di 5 treni occorrenti per garantire l’esercizio ferroviario sulla linea ferroviaria Sassari/Alghero/Alghero aeroporto. Più in dettaglio l’investimento prevede la realizzazione del nuovo collegamento ferroviario di lunghezza pari a circa 6.7 km il cui servizio verrà svolto con treni di ultima concezione alimentati a idrogeno (anch’essi ricompresi all’interno del finanziamento). Inoltre, è prevista la realizzazione una centrale di produzione di idrogeno verde (cioè prodotto da fonti di energia rinnovabile) che consentirà un importante avvio della transizione energetica nella nostra isola. Una tappa importante verso una transizione energetica che ci porterà a vivere in una terra sempre più green e sempre più innovativa nel campo dell’alta tecnologia, dice il Presidente Solinas.
(ITALPRESS).