Rossi “Non temo il ritiro ma quando smetterò sarà triste”

Assen (Olanda) 30/06/2019 - gara Moto GP / foto Panoramic/Insidefoto/Image sportnella foto: Valentino Rossi ONLY ITALY

“Paura del ritiro? Non userei questa parola ma di sicuro quel giorno, il mio ultimo Gp sarà triste e difficile da approcciare, da accettare. Amo correre, è la mia vita da oltre vent’anni ma non ho paura. In questo periodo ho scoperto che posso comunque divertirmi”. Valentino Rossi non ha ancora sciolto le sue ultime riserve, se smettere quest’anno o gareggiare ancora nel 2021, ma riesce a guardare comunque oltre la MotoGp. “E’ dal ’95 che la mia vita è in giro per il mondo ma riesco a immaginare il mio futuro quando smetterò con le moto, so di potermi godere la vita – assicura in un’intervista a ‘BT Sports’ – Quando deciderò? Siamo a fine maggio, penso che nelle prossime settimane farò la mia scelta e la comunicherò molto presto a tutti”. Rossi ha ribadito comunque che, dovesse accettare di correre in Petronas nel 2021, “non sarà per dire ciao o per un tour d’addio – insiste il Dottore – Andrò in Petronas solo se penserò di essere competitivo, se potrò provare a vincere delle gare o lottare per il podio. Di sicuro quando smetterò sarà un giorno tristissimo per me, per quel giorno non mi aspetto niente di bello ma solo tanta tristezza. Forse sarebbe più facile smettere ora, senza gente attorno, ma se continuo è perchè voglio provare a essere ancora competitivo e fare delle belle gare”.
(ITALPRESS).