RONALDO VOLA, IL NAPOLI NO, ORA LAZIO-INTER

Giocano tutti per la Juve. Anche quando i bianconeri hanno qualche problema. Il Napoli e’ tornato a -6 dalla capolista, pareggiando in extremis con la Roma. Ronaldo con uno splendido tiro da fuori area e un rigore ha portato a sette i suoi gol “italiani”, ma soprattutto ha dato alla Juve una vittoria importante a Empoli, dove nel primo tempo era stata messa sotto dalla squadra di Andreazzoli. Il dopo Manchester, insomma, non e’ stato molto felice per la squadra di Allegri sul piano nel gioco. La capolista ha denunciato qualche vulnerabilità. Come succede ogni anno, le squadre (anche quelle di vertice) accusano qualche difficoltà – chi per poco, chi per molto – e cosi’ la Juve, che e’ impegnata in Champions, ha pagato (relativamente, in verita’) la stanchezza di Champions contro un avversario vivace, sveglio, che pero’ fa pochi punti. In soccorso alla Juve e’ corso Ronaldo con la sua doppietta, dandole fiducia. (ITALPRESS) – Allegri ha fatto notare: “Abbiamo vinto nove partite in campionato e tre in Champions, con un solo pareggio”. Vero: chi puo’ dire di aver fatto di meglio? Non il Napoli, che ha attaccato a tutto spiano contro la Roma, ma, dopo aver subito il gol di El Shaarawy per gli errori difensivi, ha rischiato di prendere il secondo. Poi ha acciuffato il pareggio con Mertens sul traguardo. Pareggio meritato, intendiamoci, ma preso proprio per la coda. Ora i partenopei dovranno tornare a rimontare i bianconeri. Certi errori si pagano. La Roma, che avrebbe potuto vincere, ha perso l’occasione per giungere in altissimo. Ma ha subito molto e ha pagato. Il pareggio del San Paolo non e’ giovato a nessuno. Ora l’Inter potrebbe raggiungere la squadra di Ancelotti. Nel monday-night, Lazio-Inter (arbitro Irrati) sara’ un autentico spareggio per le prime posizioni. La squadra di Simone Inzaghi, dopo un avvio tormentato e un derby perso, ha cominciato a vincere, anche in coppa (Marsiglia).

L’Inter, a parte la sconfitta di Barcellona, ha acciuffato in extremis i tre punti nel derby, in societa’ c’e’ euforia per gli ambiziosi piani del presidente Zhang e Spalletti vanta una serie vittoriosa di cinque partite. Icardi ha ripreso a segnare (tre gol in due partite), come del resto Immobile (sei reti in tutto). Caceido-Immobile nell’attacco laziale? Senza Nainggolan, Spalletti schierera’ Candreva, Politano e Keita dietro Icardi, con Dalbert in difesa? Il Milan e’ tornato a vincere sulla Samp e Gattuso ora respira. Le coppie Higuain-Cutrone e Quagliarella-Saponara (un ex) sono state protagoniste a San Siro. Il Milan era riuscito a perforare la difesa blucerchiata, che era la meno battuta (4 gol subiti, ora sono 7), ma la squadra di Giampaolo aveva risposto a tono. Poi Suso ha risolto la gara. E i rossoneri (che hanno sfiorato il quarto gol) hanno fatto un balzo in avanti in classifica. L’Udinese ha spezzato la serie negativa di quattro sconfitte pareggiando in rimonta due volte sul campo del Grifone: Lasagna e De Paul (che gol, il quinto stagionale!), hanno cambiato l’andamento della partita.

L’espulsione di Romero ha un po’ tagliato le gambe ai rossoblù che mercoledi’ recupereranno la partita contro il Milan e poi torneranno a San Siro per affrontare l’Inter. Anche per i friulani, calendario in salita: Milan in casa e Empoli in trasferta. Ma intanto Velazquez respira. Torino e Fiorentina hanno pareggiato: sono squadre che vorrebbero decollare, ma non vi riescono, specie quella granata. Mazzarri e’ andato su tutte le furie per le presunte parzialita’ degli arbitraggi (forse perche’ i tifosi gli fanno notare che il Toro ha la meta’ dei punti della Juve…) ed e’ stato cacciato. Del pareggio non e’ andata fiera neppure la Fiorentina, che e’ partita dall’1-0 di Benassi (un ex) ed e’ stata raggiunta con un autogol del portiere Lafont, che sta dividendo il tifo: troppa disinvoltura. Il derby emiliano Sassuolo-Bologna e’ finito in parita’, con i rossoblù che si sono fatti raggiungere due volte.

E’ tornato al gol Palacio. La squadra di De Zerbi, due punti in quattro partite, e’ stata un po’ ridimensionata, quella di Pippo Inzaghi si sta staccando dal fondo classifica. Il Cagliari ha inflitto al povero Chievo la sesta sconfitta di fila. Con la peggior difesa del campionato (26 gol subiti), la squadra di Ventura e’ sempre piu’ ultima, mentre i sardi, con i gol di Pavoletti, stanno attraversando un buon momento. E dire che i clivensi avevano riaperto la gara con Stepinski. L’Atalanta e’ tornata quella squadra travolgente che Gasperini voleva. Hanno segnato i difensori, anche quelli…avversari nella propria rete. E il Parma non ha battuto chiodo. Il Frosinone ha vinto la prima partita stagionale a Ferrara: la Spal, che aveva vinto a Roma ha dato una boccata di ossigeno alla squadra di Longo, ancora staccata sul penultimo gradino, ma con qualche ritrovata speranza: 0-3, troppa grazia. Dopo il lungo digiuno i ciociari hanno fatto 9 gol in quattro partite. Il troppo e’ troppo…