RONALDO ENTUSIASTA DI SARRI “IL SUO GIOCO MI PIACE”

Questione di feeling. E fra Maurizio Sarri e Cristiano Ronaldo di certo non manca. Il fuoriclasse portoghese si prende la scena durante la conferenza stampa alla vigilia di Juventus-Lokomotiv Mosca e per la ventata d’aria fresca portata dal nuovo tecnico ci sono solo belle parole. “Giochiamo un calcio diverso, più d’attacco, e piano piano siamo più a nostro agio – racconta – Mi piace il modo in cui Sarri vuole che la squadra giochi: creiamo più occasioni, abbiamo più possesso palla, abbiamo più fiducia in noi stessi. Finora siamo orgogliosi di quello che abbiamo fatto. Siamo anche felici anche del fatto che miglioriamo di settimana in settimana”. Anche perchè, assicura CR7, ai record e ai premi individuali come il Pallone d’Oro, preferisce “vincere per la Juventus. Ogni anno è una sfida, per me e per la Juve. Vogliamo vincere lo scudetto, la Coppa italia e la Champions. La Juve è un grande club e deve pensare in grande. Sappiamo che sarà molto difficile ma penso che, passo dopo passo, tutto è possibile. I premi individuali non contano, contano quelli a livello di collettivo, se si vincono quelli, arrivano anche gli altri”. E sulla possibilità di rimanere alla Juve fino alla fine del suo contratto, nel 2022, il 34enne attaccante mette in chiaro: “l’età è solo un numero, avere 33, 34, 35 o 36 anni non significa necessariamente essere alla fine della carriera. E lo posso dimostrare nel modo in cui gioco, in cui mi sento in forma, questo fa la differenza”.

E Sarri è il primo ad augurarsi che Ronaldo vada avanti ancora a lungo. Allenarlo “è motivo di soddisfazione e orgoglio. Al di là delle qualità fisiche e tecniche ha una mentalità straordinaria – riconosce il tecnico bianconero – E’ un giocatore che ha la capacità di porre obiettivi a tutta la squadra e a livello individuale in continua evoluzione: quando ha segnato il 700esimo gol, mentre gli altri stavano tornando a centrocampo, lui stava pensando di arrivare a 800. E questo è importante per noi che gli stiamo attorno, perchè è qualcosa di contagioso. Mentalmente ha qualcosa in più di tutti”. Ronaldo ha speso belle parole per il gioco che Sarri sta cercando di importare alla Juve. “In questo momento della stagione stiamo creando di più rispetto all’inizio, ma stiamo concretizzando di meno. Penso che la strada intrapresa sia giusta, ora dobbiamo solo migliorare le percentuali realizzative”. Magari già domani contro la Lokomotiv Mosca, ben diversa da quella che alla vigilia sembrava la cenerentona del girone. “L’insidia della gara di domani sta nell’affrontare una squadra che sta facendo un’ottima stagione, sta facendo benissimo in campionato e si sono messi in una buona condizione di classifica in Champions e sono più forti di quello che tutti si aspettavano. Dobbiamo avere grande rispetto e grande calma nei 90 minuti, sarà difficile”. Sarri, che deve ancora fare a meno di Ramsey, sul ballottaggio Higuain-Dybala non si sbilancia: “Stanno entrambi bene, chiunque giocherà sono sereno”.
(ITALPRESS).