NAPOLI E MILAN A FATICA, JUVE OK E INTER KO

In attesa delle Coppe, il Napoli ha vinto contro un buon Torino con un gol del solito Osimhen. Juve (quasi) alle stelle, Inter (quasi) alle stalle. Molte reti, emozioni, sorprese proteste, risse, arbitri in difficoltà e VAR a tutto spiano: è stata una ottava giornata molto ricca di fatti, in cui quasi tutti hanno avuto qualcosa da dire (e ridire). Al Napoli di Spalletti non è sfuggita l’ottava vittoria consecutiva. Erano a confronto la prima e la terza difesa del campionato. Insigne (poi sostituito) si è fatto parare un rigore: è il terzo sbagliato. Un buon Torino ha contenuto la capolista, tentando di colpire alcune volte. Nella ripresa Di Lorenzo ha sbloccato la partita, ma il VAR ha detto no. Lozano ha colpito un palo e non ha gradito la sostituzione. Ospina salvifico su un tentativo di Brekalo, molto pericoloso. Poi un imperioso colpo di testa di Osimhen ha deciso la gara. Si sono rivisti Belotti e Mertens. La difesa partenopea ha subito solo tre gol. Un record. Il rimaneggiato Milan era andato sotto di due gol contro il “fatal Verona”. Poi ha recuperato e vinto grazie a un autogol di Gunter. Si è visto persino Ibrahimovic, nel finale. La squadra di Tudor gioca e segna (17 gol, pochi hanno fatto meglio). A Pioli mancavano alcuni titolari e il successo sugli scaligeri vale doppio, perchè la partita sembrava compromessa e invece…La vittoria della Lazio sull’Inter, macchiata dalla rissa per il gol di Felipe Anderson con Dimarco a terra e poi la mischia fine: confermato il basso livello di sportività e la voglia di menar le mani che c’è in giro (non solo nel calcio). Ma il regolamento non prevede l’arresto del gioco. Fair play? Parolaccia. L’ex laziale Simone Inzaghi ci è rimasto male, dopo le accoglienze cordiali dei suoi ex tifosi. Sconfitta amara. Gli pareva di avere la partita in mano e si è ritrovato beffato. Ora l’Inter è a 7 punti dal Napoli e a 5 dai Milan. E alle porte batte la Juve. Il campionato è ancora lungo, ma il palcoscenico nerazzurro scricchiola. Per la Lazio un buon passo avanti verso la zona Champions. Il vittorioso Sarri dirà ancora che questo non è sport, è show ? La sfida fra Allegri e il polemico Mourinho è stata decisa da un gol di Kean. Un rigore molto discusso (Abraham aveva segnato) è stato parato da Szczesny a Veretout, uno specialista. Non impeccabile Orsato: polemiche in vista. Con il quarto successo consecutivo in campionato, la Juve è già alle porte della zona Champions, ma la Roma (bella ripresa, pareggio sfiorato) è ancora avanti e l’Inter -avversaria nel week-end- a +3. L’Atalanta (Ilicic doppietta e un rigore alle stelle) ha vinto a Empoli, contro un avversario vivace, ma non all’altezza della squadra di Gasp. Zapata gol n.100. L’Udinese è riuscita a pareggiare contro il Bologna una partita giocata lungamente in dieci per l’espulsione di Pereyra. Mihajlovic ci sarà rimasto male. Friulani molto tenaci. La Fiorentina nel Monday Night giocherà a Venezia. Zanetti ha l’attacco meno prolifico (5 gol segnati). Infortunato Dragowski, Terracciano fra i pali fra i viola che guardano all’alta classifica. Il “nuovo” portiere Romero nella panchina lagunare. Dirigerà Massimi. In coda, il Genoa ha acciuffato in extremis con Vasquez il pareggio in una gara difficile col Sassuolo. Per Preziosi un addio ricco di emozioni. L’ex rossoblù Scamacca aveva segnato tre gol (uno annullato), ma la situazione di classifica dei rossoblu è rimasta complicata. Importante vittoria in rimonta dello Spezia sulla Salernitana. I cambi sono stati decisivi e ha deciso un gran gol di Kovalenko, alla prima dall’inizio. Il primo successo stagionale del Cagliari di Mazzarri (che non vinceva da una vita in casa) ha affossato la Sampdoria e messo in difficoltà D’Aversa, espulso nel finale, quando la sua squadra ha sfiorato il pareggio. Joao Pedro doppietta: ora sono 6 gol, come Dzeko e uno più di Lautaro. Ultima è rimasta nuovamente la Salernitana. Nel prossimo turno, Roma-Napoli (pericolo per la capolista) e Inter-Juve, il cosiddetto Derby d’Italia svalutato fra squadre che hanno dato meno del previsto.

Vuoi pubblicare i contenuti di Italpress.com sul tuo sito web o vuoi promuovere la tua attività sul nostro sito e su quelli delle testate nostre partner? Contattaci all'indirizzo info@italpress.com