Mostra rende omaggio a “Dramma della gelosia” e Casa Papanice

Dopo 50 anni, una mostra itinerante, premiata all’Italian Film Fest a San Paolo in Brasile dal titolo “L’Italia del boom, fra mura d’artista e fotogrammi d’autore”, rende omaggio alla pellicola di Ettore Scola “Dramma della gelosia” e a Casa Papanice, set del film, costruita nel 1969 su progetto dell’archi-star Paolo Portoghesi in collaborazione con l’ingegnere Vittorio Gigliotti, considerata negli anni uno dei simboli dell’architettura post-moderna attuale sede dell’Ambasciata del Regno Hascemita di Giordania.
Una mostra curata dal nipote del committente, Edmondo Papanice, che mette in risalto il boom economico del dopoguerra e il connubio tra Cinema e Architettura partendo dal genio artistico di Paolo Portoghesi fino a ricordare i grandi interpreti del film.
“Tutto ebbe inizio – racconta Edmondo Papanice – quando mio nonno aprì le porte a Ettore Scola per le riprese del film. Il regista era un ottimo osservatore delle città e delle sue architetture e a differenza di Federico Fellini, che inventa la sua Roma, Scola preferiva delle scenografie reali dando all’architettura una connotazione ben precisa, storica e sociale. Casa Papanice nel suo film ne è l’esempio. Tanti sono i ricordi – conclude Papanice – tramandati in famiglia, dalla gentilezza di Monica Vitti affascinata dalla bellezza dell’edificio e dall’arredo curato in ogni minimo particolare, le lunghe conversazioni tra mio nonno e Marcello Mastroianni con cui condivideva la passione per le auto”.
(ITALPRESS).