JUVE FA SUO OLD TRAFFORD, DYBALA STENDE MANUTD

La Juventus ipoteca la qualificazione agli ottavi di finale di Champions League. Stasera i bianconeri hanno espugnato l’Old Trafford di Manchester battendo lo United per 1-0. Un successo che ha permesso alla squadra di Massimiliano Allegri di portarsi a +5 sui rivali inglesi. Partenza molto attenta della Juventus che nel primo quarto d’ora ha gestito meglio il pallone lasciando veramente poco spazio alla risposta dei padroni di casa. Un lavoro che è stato finalizzato al 17′ da Dybala: suo il gol del vantaggio bianconero grazie al mancino con cui da pochi passi ha trafitto De Gea. Tutto era nato da un cross dalla destra di Ronaldo con Smalling che aveva anticipato Cuadrado trasformando involontariamente la respinta corta in un assist per il numero 10 argentino. Messo il sigillo alla partita, la Juventus ha lavorato lungamente ai fianchi il Manchester United con il possesso palla non permettendo alla squadra di Josè Mourinho di riorganizzare la manovra e presentarsi dalle parti di Szczesny. Juve vicina al raddoppio al 38′ quando, sulla punizione dalla distanza di Ronaldo e poi sulla successiva conclusione di Matuidi, De Gea ci ha messo le mani respingendo in entrambe le occasioni. Prima del riposo ancora un tentativo a giro di Dybala uscito alla destra del portiere di casa. Strepitoso al 7′ della ripresa De Gea che ha negato a Ronaldo il gol all’incrocio al termine di un’azione corale della Juventus. Nel corso del secondo tempo il Manchester United ha provato ad aumentare la pressione sui bianconeri, ma Lukaku e compagni sono spesso andati in difficoltà quando la Juve ha accelerato presentandosi nella metà campo avversaria. Un errore di Bentancur, però, a un quarto d’ora dalla fine stava regalando al Manchester United il pari e solo il palo ha detto no alla conclusione dalla distanza di Pogba che poi è carambolata sulla testa di Szczesny finendo in corner. La Juve ha così portato a casa il nono risultato utile consecutivo contro le squadre inglesi, la quinta vittoria nelle ultime sei gare e la seconda della sua storia all’Old Trafford.