ITALIA DEL NUOTO PARALIMPICO DA MATTARELLA

Roma 04/09/2019 - consultazioni Quirinale / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Sergio Mattarella

Al Quirinale per festeggiare un successo storico, in vasca ma anche fuori. L’Italia del nuoto paralimpico è stata ricevuta questa mattina dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, due mesi dopo lo splendido Mondiale di Londra dove, per la prima volta nella storia, la Nazionale azzurra ha vinto il medagliere portando a casa ben 50 medaglie frutto di 20 ori, 18 argenti e 12 bronzi. Oltre al Capo dello Stato, presenti, tra gli altri, il numero uno del Comitato italiano paralimpico Luca Pancalli, il ministro per le politiche giovanili e per lo sport Vincenzo Spadafora, il presidente della Federazione italiana nuoto paralimpico Roberto Valori e tutti gli atleti protagonisti nella rassegna iridata londinese. “Avete dato un grande contributo con questi risultati, avete fatto risuonare tante volte l’inno nazionale ma il contributo che date alla vita quotidiana è altrettanto importante – ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella – Il nostro paese cresce insieme a voi. Trasmettete un grande messaggio a tutta l’Italia, grazie per le vostre attività e per il vostro impegno: siete una magnifica rappresentazione dell’Italia”. Un movimento che è in grande crescita come testimoniano il numero degli atleti della federazione, 900, che è cresciuto a dismisura: “Questi ragazzi hanno fatto qualcosa di straordinario, inimmaginabile sino a qualche tempo fa: l’Italia ha messo dietro tutti – ha sottolineato il presidente del Cip, Luca Pancalli – Mai successo nella storia dello sport paralimpico, questo risultato ha fatto un rumore straordinario all’estero. L’aggettivo più utilizzato era impressionante”. Grande orgoglio da parte del presidente della Finp, Roberto Valori. “Presidente Mattarella, ricevere il suo invito al Quirinale ci riempie di orgoglio e ci dà una nuova, importantissima spinta per continuare il percorso intrapreso – ha dichiarato il numero uno della Finp – La sua vicinanza, il suo sostegno è per noi fondamentale, un segno indelebile, una bellissima pennellata che va ad arricchire il nostro grande quadro sportivo”. Un risultato che va oltre allo sport come sottolinea Federico Morlacchi, uno dei grandi protagonisti della rassegna iridata londinese: “Il valore delle nostre imprese sportive va oltre a quello delle medaglie perché diamo anche messaggio sociale, valori come l’uguaglianza e soprattutto l’aspetto della diversità perché disabilità non è una parola negativa”. Londra con vista su Tokyo perché questi grandi risultati proiettano ad un’altra grande sfida, le Paralimpiadi che si disputeranno il prossimo anno in Giappone: “Noi guardiamo a Tokyo con grande apprensione ma consapevoli di poter fare bene – ha rimarcato Pancalli rivolgendosi a Mattarella – guardo al Giappone con ottimismo perché credo che lo sport paralimpico italiano stia rappresentando questo paese al meglio”.
(ITALPRESS).