Isola “Gomma Hard la vera protagonista del weekend in olanda”

ZANDVOORT (OLANDA) (ITALPRESS) – “Una gara divertente con un crescendo di emozioni culminate in un finale caratterizzato proprio da quelle variabili che avevamo sottolineato essere la particolarità di un circuito come Zandvoort: strategie diverse, grazie a un livello di degrado contenuto della soft e la prestazione della Hard”. Mario Isola, direttore motorsport Pirelli, analizza così il Gran Premio d’Olanda vinto da Verstappen. “La presenza poi di Virtual e poi Safety Car ha mantenuto fino all’ultimo l’interesse degli spettatori al parossismo anche se la vera e propria marea arancione sugli spalti ha beneficiato oggi di un altro colore, il bianco, ovvero quello della gomma Hard, vera protagonista, forse la meno attesa della gamma e che invece per tutto il week end ha mostrato un’evoluzione che grazie anche alla gommatura della pista le ha reso giustizia – continua Isola – Con un degrado molto basso e una velocità costante, la Hard ha reso possibile a piloti e squadre di spaziare in maniera più esaustiva nelle scelte in pista. Tutte e tre le mescole portate a Zandovoort hanno permesso infatti un maggior adattamento alle necessità dei saliscendi veloci di Zandvoort, premiando il pubblico con la presenza di piloti di tre team diversi sul podio. Con ancora l’eco dell’energia e della passione dei tifosi di Zandvoort, ci avviciniamo a Monza, tappa così importante per la Formula 1, celebrando i 100 anni del circuito e i 150 anni di Pirelli: un’eccellenza italiana cruciale per il nostro sport – sono invece le parole di Stefano Domenicali, presidente e ad della Formula 1 – Anche oggi le gomme si son dimostrate impeccabili, permettendo strategie diverse, incrementando sorpassi e duelli e aiutandoci a fornire un prodotto di successo che deve essere spettacolare e appassionante, ma sempre garantendo quella sicurezza che lo sport come la F1 ci impone. Un successo che vorremmo celebrare degnamente a Monza con l’auspicio che tutto questo Arancione possa anche virare verso il Rosso…”. La performance della P Zero hard Bianca, unitamente alla Virtual prima e la Safety Car poi sono le variabili che hanno determinato il finale del Gran Premio di Olanda. Max Verstappen partito su gomme soft, per poi montare le medie, ha messo Lewis Hamilton, partito su medie, in una condizione di vantaggio che una volta montate poi le Hard ha permesso alla Mercedes del britannico di diventare uno dei veri protagonisti della corsa. Solo la presenza di VSC e SC ha permesso al muretto Red Bull di adeguare la strategia ad una situazione che ha perequato il numero di soste con Verstappen in pista per la ripartenza finale su gomme soft, dietro Lewis su medie, capitalizzando al meglio la differenza prestazionale della mescola Pirelli veloce per eccellenza.
Sedici i piloti che hanno montato le soft al semaforo verde, con solo 4 che hanno scelto le medie, fra cui le due Mercedes, fra le prime a realizzare il potenziale di una strategia davvero alternativa che si è rivelata cruciale, portando infatti in dote la possibilità di arrivare al traguardo con una sola sosta grazie a un degrado così limitato da permettere uno stint lunghissimo a velocita costante e lottando per la vittoria che solo la presenza delle VSC e SC ha poi vanificato.
– foto ufficio stampa Pirelli –
(ITALPRESS).

Vuoi pubblicare i contenuti di Italpress.com sul tuo sito web o vuoi promuovere la tua attività sul nostro sito e su quelli delle testate nostre partner? Contattaci all'indirizzo info@italpress.com