Il cinema incontra il mondo del terzo settore

ROMA (ITALPRESS) – Per la Fondazione Con il Sud il termine “infrastrutturazione sociale” si applica a tutto tondo: anche l’arte è un ottimo mezzo per lo sviluppo e il sostegno del territorio, dei suoi abitanti e delle persone coinvolte nell’azione artistica. Non è un caso quindi che anche Social Film Production con il Sud, il bando – giunto alla sua seconda edizione – promosso dalla Fondazione Con il Sud e Apulia Film Commission che ha fatto incontrare il mondo del cinema e quello del terzo settore per raccontare il Sud e i suoi fenomeni sociali abbia ottenuto un notevolissimo successo. L’unione tra cinema e terzo settore ha favorito un proficuo dialogo tra due mondi distanti che però in maniera contribuiscono entrambi in maniera importante allo sviluppo del territorio. Il bando sosteneva progetti per la realizzazione di prodotti audiovisivi nati dalla collaborazione tra enti produttori di audiovisivi ed enti di terzo settore e prevedeva il sostegno sino a 40mila euro per le migliori proposte, ciascuna delle quali doveva fare riferimento a uno o più di 10 ambiti d’intervento (Ambiente; cultura; legalità; territorio; diritti; nuove generazioni; il pensiero femminile; cittadinanza attiva; oltre i luoghi comuni; emergenza Covid).
Per favorire l’incontro tra due realtà cosi differenti era anche stato attivato un servizio di Bacheca online, utilissimo e utilizzatissimo strumento di comunicazione. Un discorso a parte – come esempio di grande successo del “film sociale” – merita “Naviganti” docu-film di Daniele De Michele aka donpasta, di cui parliamo con la presidente della commissione valutatrice Graziella Bildesheim. È riuscito ad essere terminato in tempi velocissimi al punto da essere proiettato in anteprima a alle prestigiose Giornate degli Autori, nella cornice della Mostra internazionale d’Arte del Cinema di Venezia. È stato presentato tra gli eventi speciali della rassegna autonoma e indipendente promossa dalle associazioni dei registi e degli autori cinematografici italiani in collaborazione con Isola Edipo, luogo d’incontro e di cultura del pubblico giovane di tutta la Mostra. Ora le proiezioni proseguono in una sorta di tour italiano, completate da eventi speciali e incontri con regista ed autori.
(ITALPRESS).