Grave immigrato dopo lite in baraccopoli a Taurianova

Un litigio per futili motivi, sfociato poi in un’aggressione fisica, ha causato il ferimento di un 31enne maliano nella baraccopoli di Contrada Russo di Taurianova, nel reggino, dove vivono diverse decine di cittadini extracomunitari centrafricani, per lo più regolari e impegnati nella coltivazione dei campi della Piana di Gioia Tauro. L’uomo è stato colpito da un suo connazionale e coetaneo, che viveva anche lui nelle baracche, ripetutamente e con forza sul capo e in altre parti del corpo con un bastone di legno. Rimasto a terra sanguinante, poi, l’uomo è stato trasportato presso l’ospedale di Polistena e, successivamente, è stato trasferito d’urgenza al reparto di rianimazione di Reggio Calabria, in gravi condizioni di salute.
Durante il litigio, l’aggressore è stato fermato da altri extracomunitari presenti all’interno della baraccopoli, mentre tentava di colpire nuovamente il ferito non cosciente con una bombola di gas. Sul posto è subito intervenuta una pattuglia della Stazione Carabinieri di Taurianova, impegnata nella zona per i controlli per il contenimento della diffusione epidemica.
L’uomo, Sylla Daouda, 31enne del Mali, regolare sul territorio nazionale, è stato arrestato in flagranza per tentato omicidio aggravato e condotto presso la Casa circondariale di Palmi in attesa del giudizio di convalida.
(ITALPRESS).