Gp Usa, gara verso due soste con medium e hard

AUSTIN (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Carlos Sainz conquista la terza pole position della carriera davanti al compagno di squadra Leclerc e alla Red Bull di Verstappen. Non sarà però prima fila tutta Ferrari domani dato che il pilota monegasco sarà retrocesso a causa di una grid penalty. Tutti i piloti hanno utilizzato P Zero Red Soft. Una sessione di qualifica con condizioni meteo come da copione, caldo e asciutto, temperatura aria 32, asfalto 39 gradi, cosi come sono state rispettate le previsioni di vento forte con raffiche capaci di condizionare l’equilibrio aerodinamico delle monoposto con tanto di conseguenti perdite di aderenza. Le stesse condizioni sono attese per la gara.
Red Bull protagonista della ultima sessione di prove libere del mattino, con Verstappen più veloce in una FP3 molto attesa da tutti i piloti per recuperare i dati di solito raccolti soprattutto nella FP2 che ieri è stata dedicata ai test degli pneumatici 2023. 1m35″825 ottenuto dal pilota olandese su gomme Soft quasi alla fine della sessione.
Il Pirelli Pole Position Award è stato consegnato a Carlos Sainz dal giovane compatriota Alex Palou, Campione della Formula Indy 2021, formatosi sui circuiti della F2 della GP3 e che ieri ha ben figurato al volante di un McLaren F1, ottenendo il secondo miglior risultato fra i piloti non titolari nella FP1.
Si orienta sulle due soste la miglior strategia per affrontare i 56 giri del Gran Premio Degli Stati Uniti: P Zero Medium seguita da P Zero White Hard in una combinazione che si declina in primo stint su Medie e i due successivi su Hard oppure medie-dure-medie a seconda dei set di gomme a disposizione di ciascun pilota in gara. Da non escludersi anche l’opzione terza sosta: il COTA non solo offre piene possibilità di sorpasso, ma annovera anche una delle pit lane fra le più corte del Mondiale che permette di ridurre il tempo perso per un ulteriore passaggio ai box.
From Race to Road non uno slogan per Pirelli bensì una filosofia che si esplicita al meglio nel Pirelli Hot Laps Programme in cui piloti professionisti, al volante delle più veloci macchine stradali, permettono a pochi privilegiati un’esperienza indimenticabile sulle piste di cinque tracciati ufficiali in concomitanza con i Gran Premi. Macchine da sogno, curve mozzafiato e l’emozione di sedere accanto al “proprio pilota preferito”, come accaduto ai fortunati che oggi hanno potuto scoprire il tracciato del Circiit of the Americas accanto ad Alex Palou, campione di Indy al volante di una McLaren 720S.

– foto ufficio stampa Pirelli –
(ITALPRESS).

Vuoi pubblicare i contenuti di Italpress.com sul tuo sito web o vuoi promuovere la tua attività sul nostro sito e su quelli delle testate nostre partner? Contattaci all'indirizzo info@italpress.com