FIAIP, SVOLTA CON AGENZIE MULTIDISCIPLINARI

Aumentano i servizi. Si allargano le competenze e le professionalità al suo interno. Cambia volto l’agenzia immobiliare. Oltrepassando la tradizionale intermediazione. Lo fa per stare al passo coi tempi, modernizzarsi. Inseguendo un mercato in continua evoluzione. La direzione tracciata è chiara: quella di una agenzia a carattere multidisciplinare, con vari servizi offerti al cliente e nuove funzioni al suo interno. A fare il punto, oggi pomeriggio, sulla recente riforma che investe la professione di agente immobiliare è stata la Fiaip, la federazione italiana agenti immobiliari professionali, che ha organizzato un incontro a Palermo a Palazzo della Aquile.

Secondo il presidente nazionale Fiaip Gian Battista Baccarini, si tratta di “una grande opportunità per le agenzie”. “L’interlocutore che oggi va in agenzia – spiega Baccarini – potrà finalmente trovare non solo colui che lo assiste nell’acquisto o nella vendita della proprietà immobiliare ma anche colui che gli segue l’aspetto finanziario, assicurativo e della amministrazione condominiale, insieme a tutti quei servizi correlati alle locazioni sia ordinarie che turistiche”.

Tra le novità, dunque, contenute all’interno della normativa entrata in vigore il 26 maggio scorso, la possibilità per l’agente immobiliare di occuparsi di tutti quei servizi legati alla gestione della locazione, come ad esempio quella breve. Insieme alla gestione di interventi di manutenzione ordinaria sull’appartamento. Ed è proprio dal capoluogo siciliano che viene posto l’accento sull’importanza che investe l’affitto breve all’interno della riforma. “L’aspetto delle locazioni turistiche per la Sicilia è fondamentale – ha sottolineato Antonino Matano, presidente provinciale Fiaip Palermo -. Possiamo dare quei servizi che fino ad oggi non erano consentiti a un agente immobiliare, dalla lavanderia, all’elettricista, al manutentore. Adesso possiamo incamerarli noi e fornirli al consumatore finale. È un momento epocale, una svolta. Perché l’agente immobiliare diventerà sempre più un riferimento per il consumatore e il cittadino”.

Novità anche in ambito di mediazione creditizia. Con la nuova riforma, infatti, l’agente immobiliare, iscritto all’OAM come consulente del credito, potrà promuovere oltre alla mediazione immobiliare anche la mediazione creditizia. Le agenzie potranno scegliere di avere al loro interno altre figure professionali, interne o esterne con le quali instaurare un rapporto di collaborazione.

“C’è la necessità di avere un unico interlocutore che dia più servizi correlati e strumentali alla attività prioritaria che rimane quella della intermediazione immobiliare – riprende Gian Battista Baccarini, che precisa: “Agenzia multidisciplinare, però, non vuol dire agente tutto fare. Vuole dire piuttosto poter  erogare il massimo dei servizi, in linea con modelli commerciali innovativi e flessibili”.