CR7 senza paura: “Juve, niente panico. Il meglio deve venire”

“Estoy aqui”. Cristiano Ronaldo è pronto a prendere per mano la Juventus. I bianconeri sono in testa alla classifica e in corsa sugli altri fronti ma nell’ultimo periodo hanno ‘toppato’ qualche gara di troppo, sia a livello di risultato che di prestazione, l’ultima mercoledì sera a Lione. I prossimi ostacoli si chiamano Inter e Milan, fra corsa scudetto e ritorno della semifinale di Coppa Italia, e la formazione di Maurizio Sarri sembra arrivarci col fiatone tanto che lo stesso tecnico non riesce a spiegarsi come la squadra non metta in pratica nei 90 minuti il lavoro della settimana. “Questo è il calcio – minimizza CR7 in una lunga intervista a Sky Sport – A volte quello che proviamo in allenamento non è detto che riusciamo a farlo anche in partita, a volte invece in partita ci sono circostanze che non ci permettono di fare quello che abbiamo pensato. Ma non parlerei di panico o di momento drammatico. Come dicevo, questo è il calcio. A volte si vince, a volte si perde ma passo dopo passo come squadra miglioriamo e guardiamo al prossimo match con più sicurezza. Ovviamente rispettiamo le idee dell’allenatore, il nostro lavoro è continuare ad allenarci, vincere e prepararci per le prossime partite”. La sconfitta di Lione brucia ma c’è ancora un ritorno da giocare e Ronaldo, come un anno fa dopo il ko contro l’Atletico Madrid, è convinto che la Juve potrà ribaltare tutto. “Queste cose possono succedere, è il calcio, ma non siamo contenti della sconfitta di Lione. Può capitare in Champions perchè tutte le partite sono difficili. Siamo arrabbiati ma c’è il ritorno in casa e siamo molto fiduciosi di ribaltare il risultato e passare il turno. Ma la nostra priorità è adesso vincere le prossime partite, poi penseremo alla Champions. Siamo sereni, concentrati e pronti per le prossime partite. Non abbiamo paura di uscire, la Champions è la competizione più difficile, tutte le squadre sono impegnative e non ci sono partite facili, ma come ho detto abbiamo la partita di ritorno che giocheremo in casa, spero davanti ai nostri tifosi. Siamo fiduciosi, sono convinto che passeremo il turno”. E con un Ronaldo in questo stato di grazia tutto appare meno buio. “Io faccio solo il mio lavoro, per essere in forma, per aiutare la Juventus a ottenere i migliori risultati possibili. Penso che i miei compagni di squadra abbiano la stessa mia responsabilità, perchè dobbiamo fare lo stesso lavoro, giocare bene, cercare di dare sempre il meglio per la squadra”. “Forse qualche volta sento un po’ più di pressione rispetto a loro perchè ‘sono Cristiano’, la gente si aspetta molto da me, ma io sono preparato – assicura il portoghese – Sono sempre concentrato, pronto. Io con i miei compagni di squadra siamo sicuri che questa stagione sarà grandiosa. Non sono in un momento critico: le cose migliori devono ancora arrivare”. Magari a partire da domenica, dal big match contro l’Inter che però, causa allerta coronavirus, si giocherà a porte chiuse. “Sarà strano giocare una partita così importante in uno stadio senza tifosi, non è bello ma la salute resta la cosa più importante. Se è stato deciso che giocare a porte chiuse è la soluzione più sicura, dobbiamo rispettarla”. Tifosi sugli spalti o meno, resta “una grande partita, è come Barcellona-Real che si giocherà pure domenica. E’ bello giocare partite così, contro l’Inter, il Milan, la Lazio, sono tutte grandi partite che ai calciatori pice giocare. Sarà una partita fantastica contro un allenatore e una squadra fantastici ma cercheremo di fare un grande risultato. Non siamo felici perchè i nostri tifosi non ci saranno, siamo dispiaciuti ma le responsabilità restano le stesse. Dobbiamo vincere, giochiamo in casa e spero che la Juve possa fare un grande risultato. Spero di vincere contro l’Inter e segnare il gol decisivo”. In quella che sarà la sua millesima partita fra i professionisti (“E’ un bel traguardo, significa che la dedizione, il duro lavoro e il talento ripagano. Ma la cosa più importante è vincere contro l’Inter e restare in testa alla classifica”), Ronaldo proverà a segnare per la dodicesima gara consecutiva in campionato: sarebbe un nuovo record visto che Batistuta e Quagliarella si sono fermati a 11. “Di record ne ho battuti tanti. I record arrivano in maniera naturale. È un bel primato ma a essere sincero non sono preoccupato, ne ho già altri. Se lo batterò bene, sarò felice, altrimenti non importa, non è la mia priorità. La mia priorità è giocare bene, vincere la partita, farlo insieme ai miei compagni di squadra e insieme abbiamo una bella occasione per vincere”. E guardando un po’ più in là, CR7 chiosa: “Sono felice, gioco nel miglior club che c’è in Italia. Gioco insieme ai migliori giocatori. Abbiamo vinto lo scorso anno dei trofei e spero quest’anno di fare lo stesso. Individualmente sono molto contento, cerco di dare il massimo con gol e assist per la Juve”.
(ITALPRESS).