Covid, in calo incidenza settimanale e occupazione intensive

April 17, 2020, Roma, Roma, Italy: The collection of swab samples by medical staff in a drive-in testing center in Roma to check the Coronavirus (Covid-19).Health workers are dressing with protective suits..The Italian Government is still adopting the measure of a national lockout by closing all activities, except for essential services in an attempt to fight Coronavirus (COVID-19) .All the city, as all the whole country, is under quarantine and the movement are restricted to the necessary. (Credit Image: © Matteo Trevisan/ZUMA Wire) (Roma - 2020-04-17, Matteo Trevisan / ipa-agency.net) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

ROMA (ITALPRESS) – Scende l’incidenza settimanale a livello nazionale: 375 ogni 100.000 abitanti (13-19 maggio) rispetto ai 458 ogni 100.000 abitanti (6-12 maggio). E’ quanto emerge dai dati del monitoraggio della Cabina di regia dell’Istituto Superiore di Sanità. Nel periodo 27 aprile-10 maggio 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,89 (range 0,84-0,97), in diminuzione rispetto alla settimana precedente. L’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero è al di sotto della soglia epidemica e stabile rispetto alla settimana precedente: Rt=0,84 (0,81-0,87) al 10 maggio rispetto a Rt=0,84 (0,82-0,87) al 3 maggio- Il tasso di occupazione in terapia intensiva scende al 3,1% rispetto al 3,4%. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende al 10,9%, rispetto al 12,6%. Nessuna regione/provincia autonoma è classificata a rischio alto. Una regione è classificata a rischio moderato a causa di molteplici allerte di resilienza; tutte le restanti regioni/province autonome sono classificate a rischio basso. Nove riportano almeno una singola allerta di resilienza. Una regione riporta molteplici allerte di resilienza. Aumenta leggermente la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (45% contro il 43%), mentre è sostanzialmente stabile la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (43% contro il 44%).
(ITALPRESS).
-foto Agenzia Fotogramma-

Vuoi pubblicare i contenuti di Italpress.com sul tuo sito web o vuoi promuovere la tua attività sul nostro sito e su quelli delle testate nostre partner? Contattaci all'indirizzo info@italpress.com