Aumentano i decessi, Venturi “Dati comunicati in ritardo”

CORONAVIRUS CORONA VIRUS COVID19 PROVETTA PROVETTE LABORATORIO DI ANALISI TECNICO DI LABORATORIO ELABORAZIONE ELABORAZONI TEST TESTER NEGATIVO

Torna a crescere in Emilia-Romagna il numero dei decessi di pazienti positivi al Covid-19: oggi se ne registrano 90, 50 uomini e 40 donne. “Abbiamo un incremento significativo, quasi il doppio di ieri”, spiega il commissario ad acta della Regione Emilia-Romagna per l’emergenza Coronavirus, Sergio Venturi, nella diretta facebook di oggi.
“Non siamo ancora capaci di essere tempestivi in questo conto così penoso delle vittime, con alcune aziende sanitarie che hanno un ritardo significativo di diversi giorni nel comunicare i decessi, un fatto, per me, particolarmente frustrante”, aggiunge il commissario regionale.
Nel computo dei decessi di oggi, secondo quanto riferito da Venturi, ci sono anche persone decedute nei giorni scorsi: “Spesso succede che viene fatto un riscontro autoptico e quando si fa bisogna attendere l’esito e a volte si fanno tutte nello stesso giorno”.
Per questo motivo la Regione Emilia-Romagna vuole chiedere al Dipartimento nazionale di Protezione civile “una comunicazione separata tra decessi del giorno prima e decessi di una settimana, dieci giorni prima. Questo darebbe un’idea più vera dell’epidemia”. 2Così – sottolinea Venturi – siamo in balia purtroppo tutti quanti di dati che non sempre sono risalenti alla giornata precedente. Stiamo cercando il motivo per cui questo ritardo si accumula”.
“Vorrei – aggiunge ancora il commissario regionale – che ci fosse più attenzione nel comunicare i numeri”. Quindi, a partire dai prossimi giorni, nel bollettino, saranno comunicati separatamente “i deceduti il giorno precedente e quelli che risalgono a una fase ‘più antica’ dell’epidemia”.
(ITALPRESS).