Appello del Corecom, dopo Covid monitorare cyberbullismo in Campania

BENEVENTO (CAMPANIA) – “E’ sbagliato sottovalutare gli effetti che il lockdown hanno avuto sui nostri ragazzi. Dobbiamo aiutarli a recuperare forme sane di socializzazione, comunicazione delle emozioni e di relazionarsi in modo costruttivo. Tutti elementi fondamentali per la loro crescita personale. L’impennata di episodi di cyberbullismo nel corso del Covid-19 è un campanello d’allarme che non deve essere sottovalutato”. Così Domenico Falco, presidente del Corecom Campania, a margine del webinar con i ragazzi che partecipano al centro estivo dell’Oratorio Anspi San Bartolomeo di Apice e gli animatori che hanno contribuito a realizzare l’incontro. “Servono misure urgenti per monitorare questi fenomeni – ha aggiunto – e per agire tempestivamente e in forma preventiva per aiutare in primis le vittime, ma anche gli stessi bulli, a cambiare le cose”. Un appello a collaborare è arrivato dal presidente del Consiglio Regionale della Campania, Rosa D’Amelio: “Lavoriamo per costruire una rete istituzionale forte e coesa a tutela dei nostri giovani. Con la campagna @scuolasenzabulli l’Assemblea campana ha deciso di dare un contributo fattivo alla costruzione di una rete sociale che sia in grado di recepire le richieste di aiuto, le preoccupazioni e le domande degli studenti campani indirizzandole verso chi è in grado di trovare una soluzione ai loro problemi. I giovani devono avere fiducia nelle istituzioni che, specie in questa battaglia, sono al loro fianco”.
(ITALPRESS).