U.19 ANCORA BATTUTA, SBARDELLA “PERSA GARA DOMINATA”

YVERDON (FRANCIA) (ITALPRESS) – L’Under 19 femminile è quasi fuori dagli Europei. Un filo sottile, legato al risultato della prossima gara con la Germania (oggi sconfitta dall’Olanda) e alla partita tra Olanda e Danimarca di martedì prossimo, tiene in piedi le speranze azzurre. Battuta anche dalla Danimarca (1-0) e ferma a quota zero nella classifica del girone, l’Italia perde una partita incredibile dopo aver macinato gioco e creato numerose occasioni da rete. Più pericolosa e intraprendente delle avversarie, la squadra di Enrico Sbardella domina, ma si fa sorprendere da un gol di testa, nato da calcio d’angolo, proprio come nella precedente gara con l’Olanda.
L’Italia si schiera in campo con il 4-3-3 e la gara è da subito divertente e ricca di spunti da entrambe le parti. La Danimarca si affaccia alla porta azzurra per prima al 5′ impegnando Lauria con un tiro di Gejl da fuori area, ma sono le azzurrine a rendersi più pericolose all’8′ con un destro in area di Merlo che da calcio d’angolo sorvola la traversa e al 10′ con un inserimento dalla sinistra di Glionna che impegna il portiere danese in una bella presa bassa in tuffo sul lato opposto. Decisamente mostra più carattere, determinazione e attenzione la squadra di Enrico Sbardella rispetto al primo tempo contro l’Olanda, ma anche la Danimarca si gioca una gara da dentro o fuori e questo fa sì che le due compagini si annullino a vicenda. Al 33′ è Polli che con una deviazione in area piccola su tiro dai 25 metri di Greggi sfiora il palo basso a portiere ormai battuto. Le azzurrine reggono bene la fisicità delle danesi e si rendono ancora una volta pericolose, prima con un tiro di Greggi da fuori area che sfiora la traversa e due minuti dopo ancora con un bell’inserimento in area di Glionna che impegna severamente l’estremo difensore avversario.
È proprio allo scadere che la Danimarca si riaffaccia nell’area azzurra con Thomsen, ma trova la pronta risposta di Lauria a negare il gol del vantaggio. Il secondo tempo inizia esattamente come la prima frazione, con entrambe le squadre che spingono forte per trovare il gol. Al tiro da fuori di Heshemi risponde un minuto più tardi il sinistro a giro di Polli che sfiora l’incrocio dei pali. Anche nella ripresa le azzurrine sono brave in fase di costruzione e impostazione del gioco, ma non riescono a finalizzare con la giusta cattiveria le occasioni e la mole di gioco create. Al 29’ arriva l’inaspettato vantaggio della Danimarca: come contro l’Olanda, l’Italia prende il gol da calcio d’angolo e colpo di testa di Holmgaard a scavalcare il portiere sul lato opposto. L’Under paga ancora una volta una disattenzione in marcatura su calcio da fermo in una gara dove la Danimarca si affidava ormai principalmente all’arma del contropiede. L’amarezza – in considerazione di quanto fatto vedere in campo – è veramente tanta. Restano da giocare altri novanta minuti, quelli in programma martedì prossimo contro la Germania. “Cercheremo di onorare la maglia – sottolinea Sbardella fine gara – in tutti i modi. Il rammarico è tanto, abbiamo perso una partita incredibile, che abbiamo dominato; purtroppo continuiamo a pagare la superiorità fisica delle avversarie, questo è il calcio internazionale. Da questa esperienza ci portiamo dietro un gruppo valido, che deve solo avere tempo e pazienza per crescere”.
(ITALPRESS).