Turismo, nasce il Fondo nazionale Cdp

MILANO (ITALPRESS) – Con una dotazione di 2 miliardi di euro, Cassa Depositi e Prestiti lancia il Fondo Nazionale del Turismo destinato a sostenere gli alberghi storici e iconici italiani. Il Fondo si inserisce nella strategia del Gruppo CDP a supporto del turismo, settore chiave per l’economia italiana, visto che rappresenta il 13% del Pil e il 15% dell’occupazione. “Il momento di forte difficoltà che sta vivendo questo settore può rappresentare un’opportunità per accelerarne la transizione verso un’offerta più professionale, competitiva e innovativa, favorendo la riqualificazione dei gioielli dell’ospitalità italiana e contribuendo così all’evoluzione del business model delle imprese turistico alberghiere – ha detto l’amministratore delegato di Cassa Depositi e Prestiti, Fabrizio Palermo, nel corso del lancio del Fondo Nazionale del Turismo -. Ci approcciamo a questo settore lungo 4 direttrici: formazione, innovazione, consolidamento dei gestori e valorizzazione degli asset immobiliari”.
Dal punto di vista della formazione, CDP ha avviato, in collaborazione con l’Università Cà Foscari di Venezia, la Scuola Italiana di ospitalità, per formare la nuova classe manageriale nel settore del turismo. Per quanto riguarda l’innovazione, Cassa Depositi e Prestiti ha avviato il Fondo Nazionale Innovazione per il sostegno, attraverso il Venture Capital, alle imprese del settore, che ha già finanziato 11 startup del comparto. Per quanto riguarda il consolidamento dei gestori, si punta alla creazione di campioni nazionali nella gestione di strutture alberghiere, anche attraverso la leva dell’equity. Il Gruppo è già azionista di Th Resorts e Rocco Forte Hotels e ha contribuito in maniera decisiva alla loro crescita nel corso degli ultimi anni, portandoli oggi ad un livello di oltre 13.000 occupati diretti e indiretti, con importanti interventi nel Sud Italia. Infine, Cdp punta alla valorizzazione degli asset immobiliari, ovvero all’acquisto e ammodernamento delle strutture alberghiere, promuovendo la separazione tra proprietà immobiliare e gestione alberghiera, per garantire adeguati investimenti ed elevati standard qualitativi. Nel corso degli ultimi anni CDP ha già acquisito 7 strutture ricettive per un investimento complessivo di 160 milioni di euro. Questa leva sarà rafforzata proprio grazie al Fondo Nazionale del Turismo, con particolare riferimento agli alberghi storici e iconici su tutto il territorio nazionale. Saranno mobilitati fino a 2 miliardi di euro, a valere sulle risorse di CDP, per un totale di 750 milioni di euro, e su ulteriori fondi di investitori terzi.
“Con la creazione del Fondo Nazionale del Turismo, Cassa Depositi e Prestiti rafforza il suo ruolo a tutela del patrimonio turistico e culturale nazionale, puntando sull’eccellenza della tradizione italiana dell’ospitalità. Si tratta di un impegno di lungo periodo, – in linea con la propria natura di investitore paziente per la crescita sostenibile del Paese – che mette a disposizione la propria esperienza e capacità di fare sistema e sostenere lo sviluppo dei territori e la competitività del sistema ricettivo italiano. Il turismo è uno dei settori trainanti della nostra economia, coerentemente con la storia del Paese. Di conseguenza, investire sul turismo è una scommessa per il futuro dell’Italia”, ha spiegato il presidente di Cassa Depositi e Prestiti, Giovanni Gorno Tempini.
(ITALPRESS).