Torino, in città poche startup che fatturano poco e mal finanziate

TORINO (ITALPRESS) – Nella sua trasformazione post industriale, Torino ha cercato di ritagliarsi un ruolo come nuova capitale dell’innovazione, un sentiero molto battuto dalla sindaca Appendino e dai ministri grillini. Sono così sorti incubatori di start up, strumenti e fondi per accelerare lo sviluppo di queste imprese dentro e fuori dagli atenei, oltre all’hub dell’innovazione realizzato alle Ogr di Torino con uno dei più grandi acceleratori al mondo, Techstars, dove è arrivata Microsoft e potrebbe a breve aggiungersi anche Facebook. Eppure, nonostante investimenti importanti, i risultati non arrivano e questa frontiera sembra sfarinarsi. E’ quanto emerge da una ricerca stilata dal Club degli Investitori, un gruppo di business angel. Ad oggi sono 459 le startup presenti nel torinese, di queste 132 hanno risposto al questionario, e 382 sono state censite. Dall’analisi risulta che le startup torinesi sono innanzitutto poche, una ogni 5.775 abitanti mentre a Milano la media è di una ogni 1.455 abitanti. Non solo, il fatturato medio è del 30% inferiore alla media nazionale (132.220 euro contr 162.647). Un valore che cala del 38% se si considera il valore mediano. Lo startupper torinese è poi anziano, comincia a 40 anni, e di solito è un ex manager che si è messo in proprio. Cosa manca? Secondo gli startupper gli investitori. Non la pensa così Giancarlo Rocchietti, presidente del Club degli Investitori che al contrario, parlando con Italpress, evidenzia una narrazione tutta diversa: “Non è vero, ci sono molte famiglie con capitali. Agli startupper dico di muoversi di più e di ricercare i fondi. La presenza di un privato nel proprio capitale, consente di avere una prospettiva di più lungo termine, crea valore ulteriore”. Serve quindi coraggio, e voglia di impegnarsi a cercare i fondi con cui crescere, invece magari di aspettare contributi pubblici o para-pubblici. “Chi raccoglie pochi fondi privati, cresce meno. Cdp ha fatto bene a porre come condizione che ci sia un socio privati che li affianchi” conclude Rocchietti.
(ITALPRESS).