SVEZIA E AUSTRIA DOMANI IN CAMPO PER IL TITOLO

Il Campionato Europeo Under 19 di football americano giunge alle sue fasi finali e domani, nei due stadi bolognesi Bernardi ed Arcoveggio, andranno in scena i quattro match che decreteranno la classifica finale. Svezia e Austria in corsa per il primo posto, mentre Francia e Danimarca lotteranno per la medaglia di bronzo. Le partite precedenti invece, vedranno Spagna e Finlandia sfidarsi per il quinto posto e Italia e Norvegia per gli ultimi due. Domenica 4 agosto, alle ore 21 all’Arcoveggio si affronteranno per il titolo Austria e Svezia.
L’Austria non ha trovato ostacoli nel suo percorso verso le finali, vincendo facilmente contro la Spagna 61 – 7 e battendo la Danimarca per 45 – 6. La Svezia ha invece percorso una strada più tortuosa, ottenendo il primo successo contro la Norvegia per 20 – 7 e vincendo di un soffio con la Francia per 7 – 0. La loro spread offense ha faticato molto contro la Francia, risvegliandosi solo nella seconda metà di gioco con il QB Ekberg, che è andato a segno con una corsa.
Il DE svedese Nilsson e il resto della difesa hanno poi fatto il resto, neutralizzando la wing-t avversaria e ronzando intorno all’ovale per tutto il match. Tuttavia, questo non sarà sufficiente contro l’Austria, il cui attacco ha dimostrato un gioco vario e consolidato. In attacco il WR Wikstrom dovrà lavorare parecchio contro il secondario austriaco, mentre Cimrell avrà bisogno dell’aiuto della sua OL per creare spazi.
Sull’altro versante, il QB austriaco Gruner avrà differenti armi a disposizione e potrà contare sull’aiuto di RB come Haslwanter e Schulz, potendo variare anche sui lanci con Touré e Berghammer.
Alle ore 17, sempre all’Arcoveggio Danimarca e Francia si contenderanno il terzo posto. La wing-t francese avrà un nuovo avversario domenica contro la Danimarca, ancora inespressa durante il torneo. Guidati dall’esperto Collomb, i francesi dovranno correre pesantemente sul fronte difensivo danese. Con 4 RB differenti infatti, nei nomi di Redval, Cyril, Yans ed Elias, la Francia dovrà sfoderare tutto il proprio running game.
Problemi in vista per il backfield danese invece, composto da Espersen e Lillie che dovranno vedersela con l’atletica linea difensiva della nazionale francese.
I due QB della Danimarca inoltre, hanno sofferto una pressione tremenda nelle ultime due partite e dovranno scrollarsi la tensione di dosso se vorranno trovarsi con i propri ricevitori. Al Bernardi, invece, alle 12.30 è in palio il quinto posto che si contenderanno Spagna e Finlandia. Il team finlandese, impressionante nell’annientare la Norvegia 29 – 0, affronterà la Spagna. Brava quest’ultima a sfruttare le debolezze difensive italiane e ad avanzare per la battaglia per il quinto posto. Il RB iberico Quince Lopez ha saputo infatti sfoderare il suo potenziale nell’ultimo match, correndo per circa 90 yard; il suo alter ego svedese Barrow è tuttavia riuscito a superarlo in yardaggio e a segnare 2 TD. Ottima anche l’ultima prestazione dello starter QB Korkalainen, che ha collezionato ben 155 yard di passaggio. Lo spagnolo Maffrand è stato però capace di battere il suo “collega”, con 232 yard nell’ultima partita contro l’Italia, di cui 109 sul WR Castagno. Quest’ultimo sarà una vera minaccia per i DB finlandesi, mentre la difesa spagnola dovrà riuscire a contenere le corse di Barrow e Unal.
Sempre al Bernardi, alle ore 9, scenderà in campo l’Italia che dovrà battere la Norvegia per non chiudere all’ottavo e ultimo posto. I due team disperatamente alla ricerca della loro prima vittoria, Italia e Norvegia, si sfideranno per non arrivare ultimi in classifica. Bene gli azzurrini al primo turno contro la Danimarca, partita persa per 17 – 6 che ha però sorpreso molti osservatori. A rimanere sorpresi in negativo, tuttavia, anche i giocatori italiani, sconfitti dalla Spagna per 36 – 21. Il QB italiano Rossi è comunque tra i passing leader fino ad ora; e con i pericolosi WR Rinaldi e Brovelli dovrebbe essere in grado di mettere in difficoltà il secondario norvegese.
Sull’altro lato il QB Myhrer, schierato ricevitore nella seconda metà contro la Finlandia, ha completamente recuperato dall’infortunio alla mano e ricomincerà titolare. Questo farà una grande differenza rispetto all’ultima partita, durante la quale la Norvegia ha collezionato solamente 40 yard.