Staffetta per l’Ulivo di Borsellino

ROMA (ITALPRESS) – È una vera e propria “Staffetta della Legalità” quella organizzata dal 26 al 30 settembre dalla Fai, Federazione agroalimentare e ambientale della Cisl, in occasione del trentesimo anniversario delle stragi di Capaci e Via D’Amelio.
Un’iniziativa speciale che unisce simbolicamente le città di Palermo, Milano e Lecco per ricordare i valori di giustizia, impegno civile e coraggio che i giudici Falcone e Borsellino lasciarono in eredità. In Via D’Amelio, a Palermo, luogo dell’attentato dove perse la vita Paolo Borsellino insieme a cinque agenti della scorta, un anno dopo la strage venne piantato un ulivo proveniente dalla Terra Santa. Ancora oggi quell’albero è un simbolo importante della lotta alle mafie, ed è per questo che la Fai-Cisl ha deciso di piantumarne un ramo a Lecco.
La nuova piantina, ottenuta con una tecnica che si chiama “margotta” e realizzata dagli operai agricoli dell’Orto Botanico di Palermo, è partita da Via D’Amelio oggi, lunedì 26 settembre, alle ore 9,30, con una cerimonia che ha dato il via alla staffetta. A trasportarla i camper della campagna “Tutele in movimento”, che il sindacato ha messo in campo per assistere i braccianti contro il caporalato. Il nuovo ulivo farà tappa poi in Calabria, in Basilicata e nel Lazio per giungere in Vaticano mercoledì 28 settembre ed essere benedetto da Papa Francesco, che incontrerà i sindacalisti della Fai-Cisl.
Giovedì 29 settembre sarà a Milano, dove interverrà anche il Segretario Generale della Cisl Luigi Sbarra, per essere poi piantato, il giorno successivo, nel giardino dell’Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco, con oltre 800 studenti. Alle cerimonie parteciperanno le Arcidiocesi di Palermo e di Milano, i Sindaci delle due città, i rappresentanti del sindacato, delle istituzioni e dell’associazionismo, insieme ai famigliari del giudice Borsellino.
“Con questa staffetta – spiega Onofrio Rota, Segretario Generale della Fai-Cisl – vogliamo valorizzare la cultura della legalità, della pace e della solidarietà. Ogni giorno la nostra federazione si batte contro il lavoro nero, lo sfruttamento, i soprusi subiti soprattutto dalle fasce più deboli della società. La nostra campagna ‘Sos Caporalato’, insieme alla petizione ‘Mai più ghetti’, per la quale abbiamo raccolto ad oggi 20 mila firme, rappresentano alcune delle azioni messe in campo per garantire più diritti e tutele ai lavoratori. Ora con questa nuova iniziativa rilanciamo anche queste sfide e uniamo idealmente il sud e il nord del Paese in una battaglia di civiltà condivisa”.
foto ufficio stampa Cisl Messina
(ITALPRESS).

Vuoi pubblicare i contenuti di Italpress.com sul tuo sito web o vuoi promuovere la tua attività sul nostro sito e su quelli delle testate nostre partner? Contattaci all'indirizzo info@italpress.com