Razgatlioglu firma il nuovo record di Portimao

ROMA (ITALPRESS) – A meno di una settimana dall’azione di Jerez de la Frontera, si è conclusa la prima giornata di gare del Motul Portuguese Round, l’undicesimo appuntamento del Campionato Mondiale Motul Fim Superbike presso l’Autodromo Internacional Do Algarve di Portimao in Portogallo. Toprak Ragzatlioglu (Pata Yamaha with Brixx WorldSBK / Yamaha YZF R1) vince una combattutissima Gara 1 del WorldSBK su pneumatici di gamma SC1 all’anteriore e SC0 al posteriore. Completano il podio Scott Redding (Aruba.IT Racing – Ducati / Ducati Panigale V4 R) e un meritato terzo posto per la wild card Loris Baz (Team Goeleven / Ducati Panigale V4 R). Sul fronte pneumatici, c’è ampia soddisfazione in casa Pirelli per la scelta e le performance dimostrate dalle soluzioni pneumatici disponibili al Motul Portuguese Round sul nuovo circuito riasfaltato. Nelle prove libere del venerdì e sabato mattina, i piloti hanno utilizzato le soluzioni di gamma e di sviluppo in mescola morbida SC0, grazie alle quali sono stati raggiunti tempi estremamente bassi, persino inferiori ai cronologici della Tissot Superpole Race del 2020, in cui l’intera griglia montava pneumatici posteriori in mescola SCX. Chiude il sabato mattina un’appassionante sessione Tissot Superpole, che posiziona le cinque diverse case costruttrici del campionato mondiale delle derivate dalla serie nelle prime cinque caselle della griglia di Gara 1. Inoltre nella categoria WorldSSP, sono ben sette i piloti che in Gara 1 hanno abbattuto il record di gara della categoria, scendendo al di sotto del precedente record di 1’45.180 effettuato da Michele Pirro. Tra questi sette, è stato Jules Cluzel (GMT94 Yamaha / Yamaha YZF R6) il più veloce di tutti, facendo segnare il tempo di 1’44.783 clamorosamente all’ultimo giro di gara. E’ Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha with BRIXX WorldSBK / Yamaha YZF R1) ad avere la meglio in partenza e a posizionarsi in testa al gruppo, seguito dal campione del mondo in carica Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK / Kawasaki ZX-10RR), Scott Redding (Aruba.IT Racing – Ducati / Ducati Panigale V4 R), Leon Haslam (Team HRC / Honda CBR1000 RR-R) e Michael Ruben Rinaldi (Aruba.IT Racing – Ducati / Ducati Panigale V4 R). Non un’ottima partenza per Michael van der Mark (BMW Motorrad WorldSBK Team / BMW M 1000 RR) che viene risucchiato dal gruppo e prosegue la gara in undicesima posizione. Rea non perde tempo a tentare l’attacco per la leadership ed effettua diversi sorpassi su Razgatlioglu nel corso dei primi giri di gara, che però non sono mai decisivi, e a trarne vantaggio è il ducatista Scott Redding che al quinto giro si prende il comando di gara. L’alfiere Kawasaki scivola al sesto giro ed è costretto al ritiro dalla gara, mentre il duetto iniziale vola ed il gap con il secondo gruppo, in lotta per la posizione da podio, è di oltre cinque secondi. Sono Loris Baz (Team Goeleven / Ducati Panigale V4 R), Alvaro Bautista (Team HRC / Honda CBR1000 RR-R) e il suo compagno di squadra Haslam a lottare per la terza posizione, mentre il duetto di testa continua a far emozionare a suon di sorpassi e contatti. Razgatlioglu non sbaglia un colpo e si mantiene davanti a Redding fino alla bandiera a scacchi per salire sul gradino alto del podio, secondo il ducatista e terzo meritato posto per il pilota francese Loriz Baz, a Portimao in sostituzione di Chaz Davies.
(ITALPRESS).

Vuoi pubblicare i contenuti di Italpress.com sul tuo sito web o vuoi promuovere la tua attività sul nostro sito e su quelli delle testate nostre partner? Contattaci all'indirizzo info@italpress.com