Phoenix vince gara-2, Clippers spalle al muro

Mast New York (Stati Uniti) 27/02/2010 - NBA / New York Knicks-Memphis Grizzlies / foto UPI/Masterphoto/Image Sport nella foto: Danilo Gallinari-Mac Gasol ONLY ITALY

NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Una schiacciata sulla sirena di DeAndre Ayton regala un fondamentale successo per 104-103 e il doppio vantaggio ai Phoenix Suns nella serie finale della Western Conference e mette spalle al muro i Los Angeles Clippers, sotto 2-0 e costretti ora a una difficile rimonta. Grande equilibrio e tanto spettacolo anche in gara-2, con i Suns avanti 48-47 all’intervallo lungo e poi 75-71 a fine terzo quarto. Rispetto alla prima sfida della serie, stavolta Devin Booker fatica al tiro, chiudendo con 20 punti ma ben 9 liberi e un misero 5/16. Phoenix trova in compenso una serata magica di Ayton, che va ben al di là del canestro decisivo realizzando la miglior prestazione in carriera ai play-off con 24 punti, 14 rimbalzi e 12/15 al tiro, e uno strepitoso Cameron Payne che chiude con 29 punti e 9 assist, facendo dimenticare l’assenza di Chris Paul. Certo, per arrivare alla nona vittoria consecutiva in questi play-off i Suns devono soffrire le pene dell’inferno.

Negli ultimi 90 secondi succede di tutto: prima Paul George guida i Clippers al sorpasso con due liberi e due canestri, poi però sbaglia i due liberi che avrebbero regalato un rassicurante +3 alla franchigia di Los Angeles a 8 secondi dalla fine. Sul successivo tiro sbagliato di Mikal Bridges i Suns conquistano la rimessa della speranza, assegnata dopo l’ennesimo controllo video, il quarto nell’ultimo minuto e mezzo di gara. E a quel punto coach Monty Williams disegna uno schema perfetto, con Jae Crowder che libera Ayton al ferro per un alley-oop che regala il successo ai padroni di casa. Per i Clippers, traditi nel finale da un George da 26 punti totali, ora si fa davvero dura, anche perché nelle sfide di Los Angeles i Suns potrebbero ritrovare anche Chris Paul.
(ITALPRESS).