Per trasporto pubblico 1,66 miliardi di minori entrate da biglietti

CORONA VIRUS ATM TRAM 33 DIREZIONE STAZIONE LAMBRATE APPLICATA SEGNALETICA DI DISTANZA DI SICUREZZA DAL CONTAGIO MEZZI PUBBLICI EMERGENZA CORONAVIRUS CORONA VIRUS COVID19 COVID 19 CARTELLO MEZZO PUBBLICO DISTANZIAMENTO SOCIALE TRASPORTO

ROMA (ITALPRESS) – Il settore del trasporto pubblico locale “è fra i più colpiti dall’emergenza sanitaria, la domanda è crollata nella fase del lockdown e fino alla fine della pandemia rimarrà inferiore del 30% rispetto al dato pre-covid Le aziende hanno comunque sempre garantito il servizio pubblico con importanti ripercussioni sugli equilibri economico-finanziari, ma si prevede che le minori entrate per vendita titoli di viaggio per il 2020, saranno complessivamente circa 1,66 miliardi”. E’ quanto emerge dal rapporto elaborato dalla direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo e dall’Ufficio studi e ricerche di Asstra. Lo studio evidenzia come “il rapporto ricavi da traffico su costi operativi che in costante miglioramento aveva raggiunto, nel 2018, il valore medio nazionale pari al 34,6%,a seguito dell’emergenza epidemiologica è stimato in flessione al 25,5%”.
Per assicurare l’equilibrio economico dei contratti di servizio, quindi, servirebbe “un miliardo di euro, oltre che misure a zero budget (rivisitazione degli orari delle città, modifiche a prescrizioni sul distanziamento fisico) che consentirebbero, altresì, di migliorare in modo significativo il servizio agli utenti. “Rimane un fabbisogno finanziario ingente per rinnovare le flotte e le infrastrutture e per fare investimenti in tecnologie e innovazione la smart mobility e la digitalizzazione del servizio erano già fondamentali nella concezione della mobilità ante Covid-19 e diventano essenziali a seguito dell’emergenza epidemiologica”, si osserva nel rapporto. Infine, lo studio pone l’accento sul ruolo del governo che ha previsto misure a supporto del Tpl giudicate, tuttavia, “insufficienti a mettere il settore al riparo dal rischio fallimento”.
(ITALPRESS).