Oliveti “Fiduciarietà valore aggiunto della medicina generale”

ALLA CASSA FORENSE CONVEGNO SOSTENIBILITA FINANZIARIA E ASSISTENZA FORENSE CON ALBERTO OLIVETI V.PRESIDENTE ENPAM (ROMA - 2012-02-29, Antonia Cesareo / Fotogramma) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

“Siamo felici di apprendere dai rappresentanti politici intervenuti, che l’ipotesi di passaggio alla dipendenza dei medici di medicina generale non è più all’ordine del giorno”. Così il presidente dell’Enpam, Alberto Oliveti, al congresso Fimmg in corso a Villasimius (Cagliari). “Credo che la fiduciarietà sia il vero valore aggiunto della professione del medico di famiglia – ha detto Oliveti -. E credo che lo scrigno nel quale vada custodito questo valore sia lo studio professionale, che è la vera concretizzazione del concetto di prossimità. Certo, lo studio deve essere adeguato all’evoluzione scientifica, informatica e tecnologica e supportato da collaboratori. Occorre un’integrazione orizzontale tra pari, quindi più medici che usano le forme associative e aggregative che esistono, ma anche un’integrazione di tipo verticale, multiprofessionale e multidisciplinare, pensando per esempio alle proposte di inserire la figura dello psicologo. Questi fattori produttivi di salute devono però essere finanziati e non possono essere lasciati sulle spalle di un professionista, che riceve una quota per poi essere lasciato solo a far fronte a costi evidentemente crescenti, che rischiano di rendere i servizi non uniformi sul territorio nazionale. Il momento è difficile per tutti e si tenga conto che solo a causa dell’inflazione, l’Ente di previdenza della categoria avrà una maggiore spesa per pensioni per 150 milioni. Nonostante questo l’Enpam è pronto a dare un sostegno alla rete degli studi professionali che va riqualificata”, ha concluso. (ITALPRESS).

Vuoi pubblicare i contenuti di Italpress.com sul tuo sito web o vuoi promuovere la tua attività sul nostro sito e su quelli delle testate nostre partner? Contattaci all'indirizzo info@italpress.com