MILANO, E’ MORTO FILIPPO PENATI

FILIPPO PENATI PD

E’ morto l’ex presidente della provincia di Milano e dirigente del partito democratico Filippo Penati. Aveva 67 anni ed era da tempo malato.
Ha ricoperto la carica di assessore a Sesto San Giovanni dal 1985 al 1993 ed è stato sindaco dal 1994 al 2001.E’ stato presidente della provincia di Milano dal 2004 al 2009. Nel 2010 è stato candidato del PD con il centro-sinistra alla presidenza della regione Lombardia ma le votazioni si conclusero con la rielezione di Roberto Formigoni del centro-destra. Penati in rappresentanza delle minoranze venne eletto vicepresidente del Consiglio regionale. A causa di alcune indagini che lo videro coinvolto, nel 2011 si è dimesso dalla carica.

“Io oggi non vorrei dare giudizi su quello che Filippo Penati è stato dal punto di vista politico e istituzionale, ma vorrei ricordare l’amico. Credo che in tanti, in un momento di difficoltà, abbiano fatto mancare il loro affetto a Filippo. Ecco, io no. Non lo dico per farmene vanto, ma perché voglio ricordarlo come una persona che ho visto fino a pochi giorni fa, che ho accompagnato nelle sue difficoltà e che probabilmente meritava un po’ di più per il grande impegno che ha avuto” ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, a margine della presentazione dell’ottava edizione di Bookcity questa mattina al Teatro Parenti, ha ricordato così Filippo Penati, dirigente del Pd e presidente della Provincia di Milano dal 2004 al 2009, scomparso a 66 anni dopo una lunga malattia. “Come per tutti noi e per le nostre vite – ha aggiunto Sala – si possono fare tanti distinguo, però certamente Filippo Penati è stato una persona con una caratura umana veramente particolare”. Sala ha quindi affidato il suo ricordo anche a Twitter, dove ha ribadito di non voler dare “giudizi politici e non voglio ricordare il suo profilo istituzionale. Per me è stato solo un amico a cui ho voluto bene e che ho accompagnato nell’ultima, dolorosa, fase della sua non banale vita”.

“Ho avuto il piacere di conoscerlo e di condividere con lui momenti istituzionali importanti sempre tesi a valorizzare le istituzioni a ogni livello, dai Comuni alle Province fino alla Regione” ricorda il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. “Ai suoi
famigliari e ai suoi cari – conclude Fontana – rivolgo le piu’ sentite condoglianze ed esprimo il cordoglio della Giunta regionale della Lombardia”.

“Politico di razza, ha sempre vissuto e interpretato con protagonismo i ruoli e gli incarichi amministrativi che ha ricoperto, senza mai rinunciare a raggiungere i suoi obiettivi e ad affermare ciò in cui credeva, sempre e comunque attraverso il dialogo e il confronto con i suoi interlocutori. Ci lascia in eredità la sua grande passione per l’impegno politico e sociale e la sua sensibilità in particolare per i temi del lavoro e dell’occupazione, patrimonio della sua Sesto San Giovanni” sottolinea il Presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi.