Mazda, vendite mondiali in costante ripresa

Mazda Motor Corporation ha reso noti i dati finanziari e commerciali del suo primo trimestre fiscale, annunciando vendite globali di 353.000 veicoli nel periodo dal 1° aprile al 30 giugno 2021. Nella maggior parte delle Regioni, Mazda continua a mostrare una forte crescita rispetto al primo trimestre dello scorso anno fiscale, che era stato pesantemente colpito dalla pandemia di COVID-19. In Europa*, le vendite del primo trimestre sono salite del 97% anno su anno raggiungendo le 55.000 unità, aumentando dello 0,2% su base annua la quota di mercato in Europa arrivata all’1,2%. Ottime le prestazioni registrate sui due maggiori mercati europei per Mazda, con la Germania che ha venduto 12.000 unità, in crescita del 71% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e il Regno Unito che ha venduto 8.000 unità, per un aumento del 423% su base annua in una Regione soggetta nel 2020 al lockdown totale.
Come risultato degli adeguamenti alla produzione causati dalla carenza di semiconduttori, Mazda si è concentrata sul controllo globale delle scorte e su una organizzazione snella ed efficiente. Nella fornitura globale dei veicoli è stata data la priorità a Stati Uniti e Australia, due Regioni che hanno avuto una forte ripresa post-COVID. Negli Stati Uniti, le vendite del primo trimestre sono aumentate del 73% su base annua a 106.000 unità, mentre l’Australia ha registrato un aumento dell’81% a 33.000 unità. In Giappone, il mercato interno di Mazda, le vendite sono aumentate del 7% a 28.000 veicoli. In Cina la domanda nel periodo aprile-giugno è scesa, con 47.000 unità vendute, in calo del 23% su base annua.
Per il primo trimestre dell’anno fiscale, Mazda ha registrato un fatturato netto di 803,4 miliardi di yen (€6,0 miliardi) e un utile operativo di 26,1 miliardi di yen (€197,7 milioni). L’utile netto è stato di 11,4 miliardi di yen (€86,3 milioni). L’utile operativo è salito su base annua a 71,4 miliardi di euro (540,9 milioni di euro). Inoltre, rispetto ai risultati del primo trimestre dell’esercizio chiuso a marzo 2020, l’utile operativo è salito a 19,1 miliardi (144,6 milioni di euro) nonostante i volumi complessivi siano diminuiti di 50.000 unità e che le vendite nette siano state inferiori a causa della produzione limitata dovuta alla carenza di semiconduttori.
Le previsioni di vendita per l’intero anno fiscale, che si concluderà a marzo 2022, rimangono invariate con 1.410.000 unità vendute nel mondo, in crescita del 9% anno su anno. Si prevede che Mazda in Europa* contribuirà con la vendita di 225.000 veicoli, in crescita del 26%. Mazda prevede per questo anno fiscale vendite nette per 3.400,0 miliardi di yen (26,3 miliardi di euro), un utile operativo di 65,0 miliardi di yen (503,8 milioni di euro) e un utile netto di 35 miliardi di yen (271,3 milioni di euro).
Mazda continuerà a monitorare il contesto commerciale, le tendenze della domanda di auto in ciascun mercato in cui vengono distribuiti i suoi veicoli e lo sviluppo futuro delle problematiche che incidono sull’attività, tra cui la scarsa fornitura dei semiconduttori, l’aumento dei prezzi dei materiali e la pandemia di COVID-19 tuttora in corso.
Mazda rimane impegnata a investire nelle tecnologie future, seguendo la recentemente annunciata strategia di elettrificazione accelerata per il 2030 e l’introduzione nel 2022 della nuova gamma di prodotto su piattaforma grande. Ciò include investimenti nell’impianto di produzione di Hofu n.2 per prepararlo per i nuovi prodotti, compresi i diversi livelli di elettrificazione. Inoltre, nel 2021 è prevista l’entrata in funzione di un nuovo stabilimento negli Stati Uniti.
(ITALPRESS).