MATTARELLA “LA POLITICA NON PUÒ ESSERE DISUMANA”

“Vorrei ricordare alcune parole del suo ultimo discorso in pubblico alla fine dell’ottobre 30 anni fa: Zaccagnini parlò dell’esigenza, del dovere di offrire ai giovani un orizzonte di ideali, una prospettiva di valori per evitare l’inaridimento. Inaridirsi è il pericolo che si corre. È un messaggio forte per oggi, per il nostro momento presente”. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenuto a Ravenna alle commemorazioni di Benigno Zaccagnini a 30 anni dalla sua scomparsa.
“Un senso di umanità profondo lo muoveva – ha aggiunto Mattarella – perché la politica non può essere disumana”. “La ricerca del bene comune è quello che Zaccagnini ha fatto in tutta la sua vita. Per questo gli siamo davvero profondamente riconoscenti”.
(ITALPRESS)