La Lazio passa a Cagliari, rimonta Benevento sulla Samp

Buona la prima per la Lazio, che apre il suo campionato battendo il Cagliari 2-0 alla Sardegna Arena. I biancocelesti, all’esordio in Serie A (la prima giornata rinviata con l’Atalanta verrà recuperata mercoledì all’Olimpico) aprono le danze con la rete di Lazzari in avvio poi chiudono i conti con il raddoppio del solito Immobile nel finale. Una Lazio copia e incolla rispetto la precedente: i nuovi acquisti Muriqi, Fares e Hoedt non sono ancora a disposizione di Inzaghi. La squadra di Di Francesco fatica, invece, come nel debutto con il Sassuolo: stavolta però non riesce a strappare un punto davanti a circa 1000 spettatori sugli spalti. Tutti hanno osservato, prima del fischio d’inizio, un minuto di silenzio per l’arbitro Daniele De Santis, ucciso insieme alla fidanzata. I biancocelesti sbloccano subito la partita, al 4′ Lazzari raccoglie l’assist di Marusic e, complice la deviazione di Faragò, spinge in rete il vantaggio. I sardi partono malissimo e subiscono la Lazio che domina in lungo e in largo. Gli uomini di Di Francesco si svegliano al 25′ quando Rog va un passo dal pareggio. La Lazio torna pericolosa alla mezzora, vuole trovare il raddoppio: lo scavetto di Milinkovic-Savic, poi il palo di Correa e la conclusione alta di Immobile.
Sul finire di primo tempo, Cragno è bravo a fermare il tiro a giro dell’attaccante azzurro. Troppo sottotono, però, Simeone e Joao Pedro per risollevare la squadra.
A inizio ripresa, il Cholito spara alle stelle il possibile 1-1. I biancocelesti ci credono. Al 65′ Cragno vola sul tiro a giro di Milinkovic-Savic. Al 74′ la Scarpa d’Oro Immobile trova il primo gol del suo campionato, spedendo in rete il secondo assist di Marusic per lo 0-2 che chiude definitivamente i conti e regala i primi tre punti alla Lazio.

Gol, divertimento e soprattutto tante emozioni nel match vinto dal neopromosso Benevento in rimonta per 3-2 sulla Sampdoria. I sanniti, inizialmente sotto per 2-0, conquistano al “Ferraris” i primi tre punti in classifica mentre i blucerchiati incassano un’altra sconfitta dopo il ko per 3-0 contro la Juventus alla prima. All’8′ immediato il vantaggio della Sampdoria che approfitta di un brutto errore di Montipò: Bonazzoli controlla il disimpegno sbagliato del portiere giallorosso e serve Quagliarella che da pochi passi mette in rete. Al minuto 18 Candreva, subito titolare, pesca in area dalla destra Colley, rimasto avanti dopo un corner, e il difensore gambiano tutto solo impatta di testa per il provvisorio 2-0. Da lì il Benevento prova a reagire: prima con un tentativo di testa di Moncini respinto da Audero con un intervento miracoloso, poi con il gol che riapre il match al 33′ di Caldirola, abile a infilare l’estremo difensore doriano dopo un batti e ribatti in area di rigore. La formazione di Inzaghi continua a spingere e al 73′ riacciuffa il pari con un perfetto colpo di testa da calcio d’angolo ancora di Caldirola, che sigla una strepitosa doppietta all’esordio in Serie A. La Sampdoria non ci sta e all’84’ crea una ghiotta occasione con Gabbiadini che di testa centra il palo. A due minuti dal termine, però, è il Benevento a completare la rimonta compiendo il sorpasso con una perfetta staffilata rasoterra di Letizia.
(ITALPRESS).