INTER INARRESTABILE (+2 SU JUVE), TONFI CASALINGHI DI NAPOLI E ROMA

Pochi gol (14, ma mancano quelli di Torino-Milan): alcuni allenatori hanno cominciato a tirare i remi in barca e i trionfalismi sul gioco d’attacco sono finiti, per ora. Rigori sbagliati, gol annullati, sorprese: insomma serata movimentata. Inter (+2) e Juve sempre piu’ soli, mentre si avvicina il derby d’Italia. L’Inter vi arrivera’ dopo la trasferta di Genova con la Samp; la Juve invece giochera’ in casa con la Spal, prima di andare a San Siro. Clamorosa la sconfitta del Napoli contro il Cagliari dopo una gara pressoche’ dominata. L’Atalanta ha vinto (bene) sul campo di una brutta Roma, superando la squadra di Ancelotti. Quinta vittoria di fila dell’Inter, quindi. Un gol di D’Ambrosio e le parate di Handanovic hanno caratterizzato il primo tempo di Inter-Lazio. La squadra di Inzaghi (senza Immobile, inizialmente in panchina) ha creato parecchie occasioni, ma ha sbattuto contro il bravissimo portiere sloveno o le ha fallite, specie con Correa. Nella ripresa, la Lazio ha fatto entrare Immobile e Conte ha chiamato in causa Sensi, mancando il raddoppio con Barella. Vittoria di misura, ma del valore doppio, per la capolista.

La Juve resta da decifrare: senza Ronaldo, aveva cominciato male a Brescia, andando sotto subito: Donnarumma aveva segnato il quarto gol stagionale con la collaborazione di Szczesny, non impeccabile. Poi la squadra campione si era svegliata e aveva concluso vittoriosamente (grazie a un gol di Pjanic) incamerando i tre punti. Ma siamo certi che le critiche nei confronti di Sarri si attenueranno? Ancora effettivamente non si vede la migliore Juve, in fase di assemblaggio. C’era Mancini, in tribuna, per seguire i “suoi” e soprattutto Balotelli, che ha giocato abbastanza bene, mettendosi in luce per alcune conclusioni: lo vedremo presto in azzurro? Sarri ha perso anche Danilo. Sconfitta pesante per il Napoli, che pure aveva segnato piu’ di tutti: e’ stato difficile passare contro il ben organizzato Cagliari, che ha mancato un gol con Simeone. Ancelotti aveva fatto molti cambi: otto, forse troppi. L’ingresso di Koulibaly ha dato maggior spinta agli azzurri che hanno colpito due pali con Mertens. Sfortuna, ma anche errori in fase risolutiva. Castro ha punito di destra i partenopei, che hanno perso l’espulso Koulibay. Male.

Atalanta corsara all’Olimpico: superato il Napoli. Non ha avuto vita facile, la Roma, contro l’Atalanta e il suo attacco e’ rimasto a bocca asciutta. Nella ripresa, la squadra di Gasperini non ha nascosto le proprie velleita’ e Zapata (4 gol per lui) ha colpito e poi De Roon ha arrotondato. Gollini ha fatto il fenomeno. Dimenticata Zagabria o nel nostro campionato e’ tutto piu’ facile e dipende dall’avversario? E Mkhitarian? L’Atalanta e’ la squadra che ha fatto piu’ punti nel 2019: non puo’ essere un caso. Una traversa di Schone su punizione ha impedito al Genoa di andare in vantaggio. Sansone ha poi sbagliato un penalty (traversa). Soriano ha fallito di poco il gol della vittoria felsinea. Che serata per il Parma! Due gol di Gervinho annullati dopo gli interventi della VAR. E inglese si e’ fatto parare un rigore da Consigli. In extremis un autogol di Bourabia ha dato la vittoria al ducali. Peccato per il Sassuolo. Fuori casa il Lecce forse si trova forse meglio che in casa. Due rigori di Mancosu (quattro gol) hanno dato i tre punti ai salentini. Inutile la risposta di Di Francesco. Ferraresi nei guai.

Prima vittoria della Fiorentina. Dopo 219 giorni. Il gol di Pezzella su assist di Ribery, ha messo sotto una Samp priva di Quagliarella. Rigoni ha colpito una traversa. Il raddoppio di Chiesa ha sancito il 2-0, ma Bonazzoli ha riaperto (invano) la gara. Ora i viola respirano, mentre per la Samp e’ notte fonda. Musso ha salvato l’Udinese a Verona, dove Lasagna ha sbagliato incredibilmente un gol. I friulani hanno fermato l’emorragia di sconfitte e comunque continuano a non segnare (due gol in cinque partite, come il Milan). I gialloblu, che non giocano male, sono usciti ridimensionati dopo un avvio col vento in poppa. Ora Torino-Milan permetterà di valutare le due squadre dopo i recenti scivoloni. Si vuole allontanare la parola “crisi”. Le panchine (specie quella di Giampaolo: gol col cannocchiale) hanno problemi. Mazzarri con Laxalt e Verdi subito. Nel Milan tornerà Calabria e, forse, Biglia. Infortunato Paqueta’. Arbitro Guida. Sabato Samp-Inter. Come arriveranno i nerazzurri alla partita con la Juventus che sara’ una prima resa dei conti al vertice?

(ITALPRESS).