I giovani si incontrano per combattere i cambiamenti climatici

PROTESTA SUL TEMA DEL COMMERCIO NEMICO DELL'AMBIENTE E DEL CLIMA, STOP TTIP MANIFESTAZIONE AMBIENTALISTA

ROMA (ITALPRESS) – “Youth for Climate Live Series: giovani di tutto il mondo si incontreranno on line, venerdì 25 settembre 2020 alle ore 16, per discutere sulla necessità e sull’opportunità di porre la natura al centro dello sviluppo”. Ne dà notizia il ministero dell’Ambiente. Si discuterà, dunque, di ricorrere alla natura “non solo per contrastare i cambiamenti climatici e la perdita di biodiversità, ma anche per stimolare la crescita e lo sviluppo attraverso azioni ad alto potenziale in termini di efficienza energetica e di resilienza, con benefici connessi alla salute e al benessere, alla rigenerazione urbana, alla gestione delle risorse”. Sarà proprio questo approccio innovativo alle risorse naturali il focus del prossimo webinar della serie Youth4Climate – venerdì 25 settembre 2020 alle ore 16 – un programma di incontri virtuali dedicato ai giovani di tutto il mondo e organizzato dal Ministero italiano dell’Ambiente, in collaborazione con Connect4Climate (World Bank Group) e l’Ufficio della Inviata per i giovani del segretario generale delle Nazioni Unite, per preparare nel modo più ampio possibile l’evento speciale “Youth4Climate: Driving Ambition”, la PreCop26 e la Cop26, che si terranno a settembre/ottobre e novembre 2021 rispettivamente a Milano e Glasgow. “La visione di sviluppo italiana – spiega il ministro dell’Ambiente Sergio Costa – vede economia, finanza e tutela della natura camminare insieme. Ecco perchè la nostra azione volge lo sguardo verso il sostegno a tutte le produzioni green. Un’intuizione unica al mondo di cui vado fiero e che l’Onu ci ha chiesto di poter estendere a livello globale”. Durante il webinar sarà possibile condividere esperienze, raccogliere idee innovative e aspirazioni dei giovani in tema di protezione, ripristino e impiego in modo sostenibile di soluzioni e azioni basate sulla natura. A raccontare la propria storia saranno tre giovani attivisti: Archana Soreng, attivista ambientale, ex presidente del sindacato degli studenti del TISS e membro del nuovo Youth Advisory Group on Climate Change, istituito dal Segretario Generale delle Nazioni Unite; Vanessa Nakate, attivista per la giustizia climatica, fondatrice di Youth for Future Africa e del movimento Rise Up Movement; Claudel Pètrin-Desrosiers, presidente dell’Associazione dei medici per l’ambiente del Quebec (AQME) e membro del consiglio di amministrazione dell’Associazione canadese dei medici per l’ambiente (CAPE). E’ prevista la partecipazione dell’inviato speciale dell’OMS per il COVID-19, David Nabarro, e della ex segretaria esecutiva dell’UNFCCC, Christiana Figueres, attualmente Vice-Chair of the Global Covenant of Mayors for Climate and Energy, ClimateWorks Board Member, World Bank Climate Leader and Mission2020 Convenor. Al termine sono previsti anche tre video messaggi: del Ministro dell’Ambiente del Regno Unito, Lord Zac Goldsmith; dell’Ambasciatrice italiana presso l’Organizzazione delle Nazioni Unite, Mariangela Zappia, e di tre giovani funzionarie del Ministero dell’Ambiente della Cina, paese che avrà la presidenza della prossima conferenza sulla Convenzione sulla Biodiversità. La discussione sarà moderata da due campioni della voce giovanile: Ahmed Badr e Salina Abraham. Come sempre, l’incontro avviene su una piattaforma interattiva – https://youth4climate.live – che fornisce anche contributi video e raccoglie le domande dei partecipanti. La lingua è l’inglese, con traduzione simultanea in italiano. C’è in palio la possibilità di partecipare di persona agli incontri di Milano. Infatti chi sintetizza in modo efficace, soprattutto dal punto di vista visivo, i principali contenuti emersi, può inviarli al concorso “Disegna il clima” e vincere la copertura di tutte le spese.
(ITALPRESS).